Economia

Progetti di filiera, nuova opportunità per le imprese

Progetti di filiera, nuova opportunità per le imprese
Economia 10 Febbraio 2016 ore 08:40

Sono aperte le candidature per le aziende interessate a partecipare ai progetti integrati di filiera, un'opportunità per sviluppare prospettive di business sui mercati esteri. La Regione su questa iniziativa mette a disposizione 750 mila euro e sono otto le filiere di interesse a cui ci si potrà candidare: agroalimentare  (Piemonte Food Excellence), aerospazio  (Torino Piemonte Aerospace), lusso: design, tessile, gioielleria, arredo  (Design + Luxury), automotive (From Concept to Car), Edilizia (Design Building  Living), energia, ambiente e infrastrutture (Energy, Environment & Infrastructure), ferroviario (Torino Piemonte Railway), salute e medicale (Piemonte Health & Wellness). C’è tempo fino al prossimo 15 febbraio per aderire gratuitamente ai progetti, collegandosi alla pagina del Ceip: http://www.centroestero.org/index.php?lang=ita

Il volume di investimenti stimato, tra i 750 mila euro dalla Regione e le risorse messe direttamente a disposizione delle aziende, è di oltre 1 milione di euro.   Sono circa 1.400 le imprese piemontesi che nel 2014 hanno partecipato ai progetti integrati di filiera, finanziati da Regione e Camere di Commercio piemontesi. Le aziende sono state protagoniste di oltre 5.000 incontri d’affari nell’ambito di missioni, fiere, workshop ecc. Nel corso del  2015 le stesse imprese hanno incrementato il proprio contributo, cofinanziando iniziative per oltre 2milioni di euro

Da rilevazioni effettuate emerge che in media ogni euro investito dal sistema pubblico abbia determinato contratti per 7,88 euro. Sotto il profilo qualitativo, secondo le imprese intervistate, l’investimento ha determinato miglioramenti  sia per l’inserimento di nuove risorse umane negli organici sia per la qualificazione di risorse già presenti.  Alla luce di questi primi risultati la Regione ha deciso così di proseguire tale attività per rilanciare i processi di internazionalizzazione delle aziende e dare una nuova opportunità di rafforzarle sui mercati esteri.

l.c.

Sono aperte le candidature per le aziende interessate a partecipare ai progetti integrati di filiera, un'opportunità per sviluppare prospettive di business sui mercati esteri. La Regione su questa iniziativa mette a disposizione 750 mila euro e sono otto le filiere di interesse a cui ci si potrà candidare: agroalimentare  (Piemonte Food Excellence), aerospazio  (Torino Piemonte Aerospace), lusso: design, tessile, gioielleria, arredo  (Design + Luxury), automotive (From Concept to Car), Edilizia (Design Building  Living), energia, ambiente e infrastrutture (Energy, Environment & Infrastructure), ferroviario (Torino Piemonte Railway), salute e medicale (Piemonte Health & Wellness). C’è tempo fino al prossimo 15 febbraio per aderire gratuitamente ai progetti, collegandosi alla pagina del Ceip: http://www.centroestero.org/index.php?lang=ita

Il volume di investimenti stimato, tra i 750 mila euro dalla Regione e le risorse messe direttamente a disposizione delle aziende, è di oltre 1 milione di euro.   Sono circa 1.400 le imprese piemontesi che nel 2014 hanno partecipato ai progetti integrati di filiera, finanziati da Regione e Camere di Commercio piemontesi. Le aziende sono state protagoniste di oltre 5.000 incontri d’affari nell’ambito di missioni, fiere, workshop ecc. Nel corso del  2015 le stesse imprese hanno incrementato il proprio contributo, cofinanziando iniziative per oltre 2milioni di euro

Da rilevazioni effettuate emerge che in media ogni euro investito dal sistema pubblico abbia determinato contratti per 7,88 euro. Sotto il profilo qualitativo, secondo le imprese intervistate, l’investimento ha determinato miglioramenti  sia per l’inserimento di nuove risorse umane negli organici sia per la qualificazione di risorse già presenti.  Alla luce di questi primi risultati la Regione ha deciso così di proseguire tale attività per rilanciare i processi di internazionalizzazione delle aziende e dare una nuova opportunità di rafforzarle sui mercati esteri.

l.c.

Seguici sui nostri canali