Trend

Puntualità nei pagamenti delle imprese: ecco la classifica delle province piemontesi

La provincia di Novara è al 35esimo posto nella classifica italiana

Puntualità nei pagamenti delle imprese: ecco la classifica delle province piemontesi
Economia Novara, 23 Maggio 2021 ore 07:00

Puntualità nei pagamenti da parte delle imprese ai propri fornitori: secondo i dati dello studio di Cribis il Piemonte si trova al settimo posto nazionale di questa speciale classifica.

Puntualità nei pagamenti delle imprese: ecco la classifica

Nel primo trimestre del 2021, con il perdurare dell’emergenza Covid-19, i ritardi gravi (oltre 30 giorni) nei pagamenti delle imprese sono aumentati soprattutto in Umbria (+8%), Liguria (+7,1%), Trentino-Alto Adige (+6,1%) e Marche (+5,1%). Sono invece diminuiti in Basilicata (-4,6%), Campania (-1,9%), Valle d’Aosta (-1,5%), Piemonte (-0,9%). È quanto emerge dallo Studio Pagamenti, aggiornato al 31 marzo scorso e realizzato da CRIBIS, società del Gruppo CRIF specializzata nella business information. Le ripercussioni dell’emergenza sanitaria sono particolarmente evidenti in quelle province dove, rispetto all’ultimo trimestre del 2020, le imprese fanno rilevare un sensibile incremento dei pagamenti oltre i 30 giorni: Imperia (+21,1%), Sondrio (+15,8%), Rieti (+15,8%), Trieste (+12,6%), Savona (+12,5%), Rimini (+10,1%), Grosseto (+9,1%), Fermo (+9%), Belluno (+8,1%), Perugia (+8,1%).

La situazione in Piemonte

Con il 38,4% di imprese che pagano alla scadenza i propri fornitori, il Piemonte è al 7° posto della classifica italiana stilata dallo Studio Pagamenti di CRIBIS, aggiornato al 31 marzo 2021. Diminuiscono i ritardi gravi: a dicembre 2020 le imprese che effettuavano i pagamenti con ritardi superiori ai 30 giorni erano il 10,6 %, lo scorso marzo sono passate al 10,5%, con una variazione del -0,9%. Fra le 20 province italiane le cui imprese, a confronto con dicembre 2020, hanno registrato un miglioramento nei pagamenti oltre 30 giorni, due sono piemontesi: Biella è al 2° posto (-5,7%), Torino all’11° (-2,7%). In regione la migliore delle province è Biella (22°), seguita da Verbania (26°), Cuneo (28°), Asti (32°), Vercelli (34°), Novara (35°), Torino (42°) e Alessandria (51°). Rispetto a dicembre 2020, Torino è la seconda provincia italiana che ha guadagnato più posizioni in assoluto (6); Biella ne guadagna una, Cuneo ne perde due, Vercelli e Verbania una, mentre restano invariate Alessandria, Asti e Novara.

In cima alla classifica Lombardia, Emilia Romagna e Veneto

Il Nord Est si conferma l’area geografica più affidabile, con il 44% dei pagamenti regolari, mentre il Sud e Isole sono le zone dove le imprese incontrano maggiori difficoltà: solo il 24% delle aziende, infatti, rispetta i tempi di pagamento. Ai vertici del ranking regionale dei pagamenti puntuali troviamo Lombardia (45,6%) ed Emilia-Romagna (44,8%), seguite da Veneto (44%), Marche (42,9%) e Trentino – Alto Adige (42,7%). In ultima posizione la Sicilia, dove solo un’impresa su 5 adempie nei termini i propri obblighi di pagamento (20%), e che è preceduta da Calabria (20,9%) e Campania (23,6%). Sicilia, Campania e Calabria si aggiudicano inoltre il primato negativo per quanto riguarda i pagamenti oltre i 30 giorni, rispettivamente con il 23,1%, il 22,8% e il 20,5%.