Economia

Sviluppo, sicurezza, politiche sociali e ambiente

Sviluppo, sicurezza, politiche sociali e ambiente
Economia 21 Luglio 2016 ore 09:58

NOVARA  - Approvate le linee pro- grammatiche presentate dal sindaco Alessandro Canelli. Lunedì scorso in Consiglio comunale la delibera è passata con 21 voti a favore dei consiglieri di maggioranza (Lega, Fratelli d’Italia, Forza Novara, Noi con voi), 6 voti contrari del Partito democratico e 6 voti di astensione (Movimento 5 stelle, Io Novara, Forza Italia). Il risultato della votazione inquadra le posizioni assunte dai vari schieramenti. Il Pd ha bocciato il piano poichè «si tratta di un programma di intenzioni ma mancano i progetti strategici». Giudizio sospeso, in attesa di verificare le progettualità nel Dup (documento unico di programmazione) che il sindaco ha riferito sarà presentato entro fine luglio, da parte degli altri gruppi di minoranza che hanno espresso voto di astensione.

Nella presentazione il sindaco Alessandro Canelli ha parlato di «linee programmatiche frutto di un lavoro partito prima della campagna elettorale e integrato da spunti di riflessione da parte della Giunta in modo tale da arricchirle. Il documento non è chiuso, le linee presentate possono essere implementate in corso d’opera e modificate. E’ un patto che facciamo con i cittadini. Quattro sono gli assi portanti: sviluppo e crescita (ampliamento del Cim e valorizzazione delle eccellenze agroalimentari), sicurezza e decoro urbano (nuovo modello organizzativo della macchina comunale e riorganizzazione del Corpo di Polizia municipale), politiche sociali (sostegno alle famiglie indigenti), ambiente (smaltimento rifiuti a costi possibili) e mobilità urbana (modifica del Musa ridefinendo con la Società di gestione alcuni provvedimenti che riteniamo ingiusti e iniqui)». Al favore espresso dalle forze di maggioranza si sono contrapposte le critiche del Pd. Il capogruppo Andrea Ballarè ha detto: «Ci sono anche cose condivisibili ma ci aspettavamo un po’ più di concretezza. Questo è un programma di intenzioni. Il Cim verrà ampliato verso Pernate o verso Galliate? Va bene l’ordinaria amministrazione della città ma fra cinque anni questa città sarà cresciuta?»

Cristina Macarro capogruppo del M5S ha espresso perplessità: «Siamo contrari all’ampliamento del Cim, il restauro del castello è uno spreco di denaro pubblico. Voteremo favorevolmente alle

proposte in linea con i nostri principi». Michele Contartese (FI) dopo aver ricordato a Canelli l’apporto dei forzisti alla sua elezione ha puntualizzato: «Un documento realizzato in tutta fretta, fotocopia di altre realtà, riteniamo di non condividere un programma così generico».

Daniele Andretta, capogruppo di Io,Novara, ha rinfacciato all’attuale maggioranza «di non aver trovato nel documento i provvedimenti per una cura shock di cui tante volte avevamo condiviso in precedenza la necessità, mi rassicura che il documento rimane aperto e si può migliorare. Ci consegnate al momento un libro dei sogni. Avrei preferito che venisse consegnato un giornale di bordo redatto da un capitano indipendente ma non ne ho trovato traccia».

mt.u.

 

NOVARA  - Approvate le linee pro- grammatiche presentate dal sindaco Alessandro Canelli. Lunedì scorso in Consiglio comunale la delibera è passata con 21 voti a favore dei consiglieri di maggioranza (Lega, Fratelli d’Italia, Forza Novara, Noi con voi), 6 voti contrari del Partito democratico e 6 voti di astensione (Movimento 5 stelle, Io Novara, Forza Italia). Il risultato della votazione inquadra le posizioni assunte dai vari schieramenti. Il Pd ha bocciato il piano poichè «si tratta di un programma di intenzioni ma mancano i progetti strategici». Giudizio sospeso, in attesa di verificare le progettualità nel Dup (documento unico di programmazione) che il sindaco ha riferito sarà presentato entro fine luglio, da parte degli altri gruppi di minoranza che hanno espresso voto di astensione.

Nella presentazione il sindaco Alessandro Canelli ha parlato di «linee programmatiche frutto di un lavoro partito prima della campagna elettorale e integrato da spunti di riflessione da parte della Giunta in modo tale da arricchirle. Il documento non è chiuso, le linee presentate possono essere implementate in corso d’opera e modificate. E’ un patto che facciamo con i cittadini. Quattro sono gli assi portanti: sviluppo e crescita (ampliamento del Cim e valorizzazione delle eccellenze agroalimentari), sicurezza e decoro urbano (nuovo modello organizzativo della macchina comunale e riorganizzazione del Corpo di Polizia municipale), politiche sociali (sostegno alle famiglie indigenti), ambiente (smaltimento rifiuti a costi possibili) e mobilità urbana (modifica del Musa ridefinendo con la Società di gestione alcuni provvedimenti che riteniamo ingiusti e iniqui)». Al favore espresso dalle forze di maggioranza si sono contrapposte le critiche del Pd. Il capogruppo Andrea Ballarè ha detto: «Ci sono anche cose condivisibili ma ci aspettavamo un po’ più di concretezza. Questo è un programma di intenzioni. Il Cim verrà ampliato verso Pernate o verso Galliate? Va bene l’ordinaria amministrazione della città ma fra cinque anni questa città sarà cresciuta?»

Cristina Macarro capogruppo del M5S ha espresso perplessità: «Siamo contrari all’ampliamento del Cim, il restauro del castello è uno spreco di denaro pubblico. Voteremo favorevolmente alle proposte in linea con i nostri principi». Michele Contartese (FI) dopo aver ricordato a Canelli l’apporto dei forzisti alla sua elezione ha puntualizzato: «Un documento realizzato in tutta fretta, fotocopia di altre realtà, riteniamo di non condividere un programma così generico».

Daniele Andretta, capogruppo di Io,Novara, ha rinfacciato all’attuale maggioranza «di non aver trovato nel documento i provvedimenti per una cura shock di cui tante volte avevamo condiviso in precedenza la necessità, mi rassicura che il documento rimane aperto e si può migliorare. Ci consegnate al momento un libro dei sogni. Avrei preferito che venisse consegnato un giornale di bordo redatto da un capitano indipendente ma non ne ho trovato traccia».

mt.u.

 

Seguici sui nostri canali