Vinitaly: bilancio positivo per le imprese novaresi

Vinitaly: bilancio positivo per le imprese novaresi
Economia 26 Marzo 2015 ore 01:25

NOVARA - Si è chiusa ieri a Verona la 49a edizione di Vinitaly. Come sempre il Salone internazionale del vino ha richiamato  appassionati da tutto il mondo, con la presenza di oltre 4.000 espositori, operatori specializzati provenienti da 120 Paesi e delegazioni commerciali da 52 nazioni.
Otto le imprese novaresi presenti per l’intera durata della manifestazione – Antonio Vallana e Figlio, Barbaglia Sergio, Boniperti Gilberto, Brigatti Francesco, Azienda Agricola Codecasa Giada, Castaldi Francesca, Il Roccolo di Mezzomerico e Mazzoni Tiziano - presenti nell’area coordinata dal Consorzio Tutela Nebbioli Alto Piemonte e condivisa con le province di Biella e Vercelli all’interno della collettiva piemontese.
Le imprese hanno usufruito di un abbattimento della quota di partecipazione grazie al contributo della Camera di Commercio di Novara, che ha anche sostenuto parte delle spese legate gli allestimenti, beneficiando inoltre dei servizi offerti dal Consorzio Tutela Nebbioli.
A rappresentare il territorio novarese anche altre otto aziende, che si sono alternate nelle giornate di lunedì 23 marzo (Azienda Agricola Platinetti Guido, Podere ai Valloni, Cantine Guidetti e Bianchi Cecilia) e martedì 24 marzo (Pietra Forata Cantine in Ghemme, Cantine del Castello Conti, Filadora e Rovellotti s.s.).
A ciò si aggiungono gli espositori provinciali presenti in forma autonoma: Antichi Vigneti di Cantalupo, Francoli Distillerie, Le Piane, Mirù, Torraccia del Piantavigna, e nello stand dell’Enoteca Tre Archi di Oleggio, Fratelli Ioppa.   
Ampia soddisfazione è stata espressa dalle imprese novaresi, che hanno potuto incontrare un numero elevato e qualificato di operatori professionali, accogliendo inoltre alcuni gruppi di buyer, tra cui una delegazione di operatori cinesi, molto interessati alle caratteristiche dei vini dell’Alto Piemonte e agli abbinamenti con le proprie tipicità gastronomiche.
Ulteriori occasioni di visibilità per le eccellenze enologiche locali sono legate ad Expo Milano 2015: durante il semestre espositivo sono infatti programmate diverse iniziative di valorizzazione dei prodotti tipici, tra cui la premiazione del Concorso Enologico “Calice d’Oro dell’Alto Piemonte” (15 maggio), la manifestazione “Expo Rice” in collaborazione con l’ATL di Novara (12-14 giugno) e una serata-degustazione dedicata al Novarese presso il padiglione “Cibus è Italia” (3 luglio).
v.s.

NOVARA - Si è chiusa ieri a Verona la 49a edizione di Vinitaly. Come sempre il Salone internazionale del vino ha richiamato  appassionati da tutto il mondo, con la presenza di oltre 4.000 espositori, operatori specializzati provenienti da 120 Paesi e delegazioni commerciali da 52 nazioni.
Otto le imprese novaresi presenti per l’intera durata della manifestazione – Antonio Vallana e Figlio, Barbaglia Sergio, Boniperti Gilberto, Brigatti Francesco, Azienda Agricola Codecasa Giada, Castaldi Francesca, Il Roccolo di Mezzomerico e Mazzoni Tiziano - presenti nell’area coordinata dal Consorzio Tutela Nebbioli Alto Piemonte e condivisa con le province di Biella e Vercelli all’interno della collettiva piemontese.
Le imprese hanno usufruito di un abbattimento della quota di partecipazione grazie al contributo della Camera di Commercio di Novara, che ha anche sostenuto parte delle spese legate gli allestimenti, beneficiando inoltre dei servizi offerti dal Consorzio Tutela Nebbioli.
A rappresentare il territorio novarese anche altre otto aziende, che si sono alternate nelle giornate di lunedì 23 marzo (Azienda Agricola Platinetti Guido, Podere ai Valloni, Cantine Guidetti e Bianchi Cecilia) e martedì 24 marzo (Pietra Forata Cantine in Ghemme, Cantine del Castello Conti, Filadora e Rovellotti s.s.).
A ciò si aggiungono gli espositori provinciali presenti in forma autonoma: Antichi Vigneti di Cantalupo, Francoli Distillerie, Le Piane, Mirù, Torraccia del Piantavigna, e nello stand dell’Enoteca Tre Archi di Oleggio, Fratelli Ioppa.   
Ampia soddisfazione è stata espressa dalle imprese novaresi, che hanno potuto incontrare un numero elevato e qualificato di operatori professionali, accogliendo inoltre alcuni gruppi di buyer, tra cui una delegazione di operatori cinesi, molto interessati alle caratteristiche dei vini dell’Alto Piemonte e agli abbinamenti con le proprie tipicità gastronomiche.
Ulteriori occasioni di visibilità per le eccellenze enologiche locali sono legate ad Expo Milano 2015: durante il semestre espositivo sono infatti programmate diverse iniziative di valorizzazione dei prodotti tipici, tra cui la premiazione del Concorso Enologico “Calice d’Oro dell’Alto Piemonte” (15 maggio), la manifestazione “Expo Rice” in collaborazione con l’ATL di Novara (12-14 giugno) e una serata-degustazione dedicata al Novarese presso il padiglione “Cibus è Italia” (3 luglio).

v.s.