Glocal news
realtà del territorio

"Agribike" il sogno a due ruote di Cascina Don Guanella

Un progetto sociale e agricolo che coinvolge una ventina di ragazzi e circa 200 volontari

Glocal news 22 Marzo 2022 ore 09:43

Una bella cooperativa agricola che unisce amore per la terra, formazione e ristorazione. Ma che soprattutto valorizza i giovani che hanno alle spalle un percorso o un’esperienza difficili, dando loro una seconda opportunità. Cascina Don Guanella, nel Lecchese, è diventata ormai un vero e proprio riferimento per la comunità locale. Aperta nel 2014, nata da un sogno condiviso e portato avanti con coraggio da don Agostino Frasson grazie all’aiuto di tanti dipendenti e volontari, negli anni ha offerto un lavoro ma anche una famiglia ai ragazzi bisognosi del territorio.

GUARDA IL VIDEO

Come nasce Cascina Don Guanella

Come ha spiegato don Agostino, alla guida di Cascina Don Guanella

"L’idea è nata per dare una risposta a necessità concrete, attraverso un agriturismo che segue i principi educativi di don Guanella ovvero fare educazione mettendo le mani in pasta. Quando una persona pianta un seme e poi vede arrivare il frutto, sa che sta creando qualcosa di nuovo. Attraverso questo contatto con la natura pensiamo che si riescano a tirare fuori i talenti e le qualità delle persone. Bisogna dare ai ragazzi l’occasione di essere visti e riconosciuti, altrimenti spesso arrivano a commettere azioni potenzialmente devastanti".

Cascina Don Guanella comprende diversi spazi che consentono all’agriturismo di avere numerose filiere produttive: dal terreno coltivato, alla stalla, fino ai laboratori e alla cucina. Qui, ad esempio, si coltiva il grano per ottenere la farina e poi pasta e pane, l’orzo e il luppolo per produrre la birra e i piccoli frutti con cui realizzare le conserve, la vite con cui produrre il vino; si allevano le mucche per la carne e le capre per il formaggio prodotto in loco nel caseificio. Il tutto è a chilometro zero e viene proposto agli ospiti dell’agriturismo attraverso il ristorante ma anche in un piccolo mercato ricco di prelibatezze. Tutti gli spazi sono accoglienti e consentono di portare avanti una bella filosofia green unendo una finalità sociale.

Il lavoro con i ragazzi

"Un elemento importante della nostra pedagogia è riscoprire la bellezza interiore ed esteriore - prosegue don Agostino - Questo lo si vede anche negli spazi della Cascina, pensati per accogliere al meglio i ragazzi che così si trovano a lavorare a proprio agio".

In questo momento, alla Cascina Don Guanella sono presenti tra i 15 e i 20 ragazzi che arrivano da percorsi devianti o realtà difficili. Si tratta di minori, che una volta raggiunta la maggiore età hanno comunque la possibilità di essere aiutati a trovare un impiego dentro o fuori dalla Cascina. Inoltre, sono circa 200 i volontari che si sono messi a disposizione per aiutare don Agostino a realizzare questo bel sogno. Grazie alle sue attività e alla collaborazione con gli enti e le associazioni locali, Cascina Don Guanella è riuscita a portare avanti molti progetti e a dare non solo un lavoro ma anche una formazione specialistica a tanti giovani. Si ricordano ad esempio le collaborazioni con Fondazione Cariplo, Fondazione Mediolanum, Fondazione Vodafone, Fondazione Polli, Aiutare i bambini, Reale Mutua, Mapei, Humanamente (Allianz), fondamentali per la crescita di questa realtà. Forte è anche il legame con il mondo dello sport, con cui Cascina Don Guanella è nata e che darà vita a un nuovo progetto molto a breve.

Il sogno di aprire un "Agribike"

"Avere una bicicletta qui è fondamentale. E’ un grande volano per collegare Cascina Don Guanella al mondo. Qui sono passati tanti campioni che hanno contribuito a farci conoscere anche all’estero, come l’australiano Cadel Evans. E il giornalista Andrea De Luca, della Rai, ci ha riconosciuti come un luogo per formare i ragazzi al ciclismo. E poi la bicicletta è una mia passione, penso che sia preghiera e poesia ma anche bellezza".

Da qui, dunque, il nuovo progetto di una cascina dedicata ai ciclisti: un vero e proprio agribike.

"Sarà uno spazio dedicato all’accoglienza dei ciclisti in particolare, quindi ci saranno biciclette a disposizione, un servizio manutenzione ma anche camere per circa 25 persone. Inoltre, prevediamo uno spazio per realizzare conferenze e la nuova birreria. Il tutto sorgerà nello spazio della vecchia cascina e ci permetterà di dare lavoro a tanti altri ragazzi. Spero di poterlo vedere realizzato tra un paio di anni, si tratta di un progetto molto importante e impegnativo".

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter