Politica e amministrativa

"Come ladri nella notte": così Aria Nuova di Lesa sulla caduta del Consiglio comunale

"Grignoli e i suoi consiglieri hanno agito come se il Comune fosse cosa loro".

"Come ladri nella notte": così Aria Nuova di Lesa sulla caduta del Consiglio comunale
Politica Alto Novarese, 02 Giugno 2021 ore 08:38

L'intervento del gruppo di minoranza "Aria Nuova" di Lesa sulle dimissioni dei 6 consiglieri di maggioranza che hanno portato alla caduta del Consiglio.

Aria Nuova di Lesa sulla caduta del Consiglio: "Come ladri nella notte"

Roberta Del Plato e Tiziana Tozzi, rispettivamente capogruppo in Consiglio e presidente dell'associazione Aria Nuova, hanno firmato una dichiarazione nella quale commentano la scelta di 6 consiglieri di maggioranza di dimettersi per fare cadere il Consiglio comunale. Eccolo di seguito:

Essendo un gruppo di opposizione nel Consiglio Comunale e sul territorio del nostro comune Aria Nuova non può dispiacersi del fatto che si sia posto fine in anticipo a un'esperienza amministrativa che ha osteggiato fin dal suo nascere. Quello che sconcerta però è il modo scelto dai sei consiglieri guidati da Roberto Grignoli di staccare la spina dando le dimissioni alla chetichella, "come i ladri nella notte" per citare la Bibbia e Shakespeare. Se si voleva davvero aprire una discussione sull'operato della Sindaca, sul quale più volte proprio Aria Nuova ha sollevato critiche e aperto questioni, la strada corretta sarebbe stata quella della presentazione di una mozione di sfiducia consentendo così a tutto il Consiglio Comunale (organo che rappresenta tutti i cittadini) di discutere della questione e di chiudere il mandato amministrativo con un voto. La trasparenza e anche la correttezza amministrativa funzionano così. Grignoli e i suoi consiglieri hanno invece agito come se il Comune fosse cosa loro, da prendere o lasciare a seconda della convenienza politica o personale. Ridicolo appare poi il documento diffuso alla stampa nei giorni successivi per motivare la decisione di dimettersi. In esso, infatti, appaiono questioni vere che, però, nel Consiglio Comunale e anche fuori sono state sollevate esclusivamente da Aria Nuova senza che da nessuno dei firmatari di quel documento arrivasse alcuna voce di sostegno o anche di dissenso rispetto all'operato dell'amministrazione di cui facevano parte. In gran parte dei casi lo stesso Grignoli ha votato favorevolmente in Giunta e in Consiglio Comunale quelle determinazioni contro le quali si sarebbe dimesso! Ora la parola passerà agli elettori i quali si potranno esprimere l'anno prossimo o tra pochi mesi, in caso di accorpamento con le altre elezioni previste per ottobre. In questa prospettiva Aria Nuova non ha alcuna intenzione di favorire la restaurazione di metodi e programmi contro i quali si è battuta fino a oggi. È consapevole che la situazione è molto cambiata rispetto a due anni fa. La stessa drammatica conclusione dell'esperienza amministrativa rende necessario superare antichi steccati per cogliere tutte le potenzialità che arrivano dalla presenza di nuove energie senza restare ancorati alla pur importante esperienza d'opposizione maturata in questi due anni. È necessario unire tutte quelle forze che hanno l'obiettivo di amministrare il comune sulla base di un programma innovativo e capace di dare un futuro migliore alla vita dei cittadini, alla qualità dei servizi, all'ambiente e all'economia del territorio. Si stanno attraversando tempi di crisi e nessuno può illudersi di poter conquistare la fiducia dei cittadini con promesse mirabolanti o, peggio, facendo credere che tutto possa restare fermo nel tempo. Per questa ragione Aria Nuova si rende disponibile a unire il suo contributo alla costruzione di una lista che a questo lavori e che abbia la consapevolezza che chi è chiamato ad amministrare debba “sempre” pensare i suoi atti in una prospettiva più lunga del tempo nel quale ricopre un ruolo di pubblico amministratore. Se si vogliono evitare gli errori del passato occorre sapere che gli amministratori di questo tempo portano sulle spalle la responsabilità del futuro. Ogni scelta implica conseguenze future di cui ci si deve far carico oggi. Se questo sarà possibile Aria Nuova è disponibile anche a sciogliersi e confluire nel nuovo progetto. Se invece non sarà possibile farà comunque la sua parte. Come sempre.