Politica
"Attenzione massima ai comuni"

Gusmeroli presenta interpellanza a Roma sui livelli del lago Maggiore: "Grande risultato"

"Continuerò a monitorare la situazione".

Gusmeroli presenta interpellanza a Roma sui livelli del lago Maggiore: "Grande risultato"
Politica Arona, 10 Febbraio 2022 ore 14:36

La preoccupazione dei territori sul possibile innalzamento dei livelli del lago Maggiore ha portato il deputato Alberto Gusmeroli a presentare un'interrogazione al Ministro dell'Ambiente.

L'interrogazione

"Un comunicato dell’Autorità di Bacino Distrettuale del Fiume Po - riepiloga il vicesindaco di Arona - ha annunciato l’approvazione, del Piano Gestione Acque e Piano Gestione Rischi Alluvioni del distretto idrografico del Fiume Po, per i prossimi cinque anni (2022-2026), ed in particolare il proseguimento della sperimentazione, per tale periodo, dell’innalzamento del livello del Lago Maggiore, fino ad oggi tarato a quota 1,25 mt, prevedendo un ulteriore innalzamento, che dovrebbe attestarsi ad un massimo di 1,50m nella fase di regolazione idrometrica del lago. Tuttavia, dalla lettura del provvedimento si evince la prosecuzione della sperimentazione dell’innalzamento del livello massimo di regolazione del Lago nel periodo 15marzo- 15settembre, per il quinquennio 2022-2026, “a +1,25m sullo zero idrometrico di Sesto Calende, elevabile a +1,35m, nel caso di manifestazione o previsione di situazioni di severità idrica “media” o “alta” nell'area vasta costituita dall'asta del Ticino e del Po, sulla base di un’apposita richiesta dell’Osservatorio Permanente sugli utilizzi idrici".

La deliberazione prevede infatti livelli superiori rispetto a quelli sperimentati nel 2015-2020 “se del caso ed in esito agli approfondimenti condotti, anche suddividendo la durata di sperimentazione in fasi intermedie, correlate a incrementi supplementari eventualmente indicate dal Tavolo tecnico entro il livello massimo di +1,50m, garantendo comunque il livello 1,25m fino al 2024".
"I comuni del Lago sono allarmati per l’eventuale superamento di ulteriori 25centimetri del livello di regolazione dell’acqua, tarato a 1,25m nella precedente sperimentazione, ma la deliberazione su tale punto non sembrava chiara" ha concluso Gusmeroli ottenendo risposte positive da parte del Governo. Sostanzialmente la prosecuzione della sperimentazione nel prossimo quinquennio ricalcherà i valori dei 5 anni già passati ma non solo, Gusmeroli ha ottenuto che nelle varie decisioni inerenti i livelli, i comuni rivieraschi saranno coinvolti.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter