Politica
Novità

Variazioni di bilancio in Provincia: ecco gli ultimi aggiustamenti decisi a Novara

Ecco quali sono stati i punti principali toccati dal Consiglio provinciale

Variazioni di bilancio in Provincia: ecco gli ultimi aggiustamenti decisi a Novara
Politica Novara, 06 Ottobre 2021 ore 07:00

Variazioni di bilancio in Provincia: a Palazzo Natta sono stati emanati alcuni provvedimenti che riguardano soprattutto le risorse garantite dallo Stato e la viabilità.

Variazioni di bilancio per la Provincia di Novara

Il Consiglio provinciale, riunito in seduta nei giorni scorsi, ha inserito nel bilancio di previsione 2021-2023 le risorse stanziate con il “decreto ponti” del 16 luglio scorso, provvedimento finalizzato alla ripartizione e all’utilizzo dei fondi, per la messa in sicurezza dei ponti e viadotti esistenti e la realizzazione di nuovi ponti in sostituzione di quelli esistenti, con problemi strutturali di sicurezza, della rete viaria di province e città metropolitane. Nel corso della gestione è infatti emersa la necessità di apportare alcune variazioni, realizzate, in parte stornando da altri stanziamenti che presentano sufficiente disponibilità, in parte applicando i contributi e le maggiori entrate riscontrate su alcuni capitoli, oltre che con l’applicazione di una quota di avanzo vincolato e di avanzo libero, per far fronte a sopravvenute esigenze della gestione comunicate dai responsabili dei Servizi.

Si è parlato anche del fondo Covid

Con la decisione di giovedì rispetto al “decreto ponti” la Provincia di Novara stanzia i fondi ripartiti dal Ministero delle infrastrutture e della mobilità sostenibile: in particolare, per il 2021 l’Ente è stato assegnatario di risorse per 1.540.381,30 euro, per il 2022 1.980.490,45 euro e per 2023 1.540.381,30 euro. Durante la seduta è stato iscritto in bilancio anche il saldo del “fondo Covid”: il Ministero dell’Interno ha infatti decretato i criteri e le modalità di riparto del saldo delle risorse incrementali per il 2021, del fondo per l’esercizio delle funzioni degli Enti locali per ristorare la perdita di gettito connessa all’emergenza epidemiologica da Covid-19, al netto delle minori spese e delle risorse assegnate dallo Stato a compensazione delle minori entrate e delle maggiori spese. La Provincia di Novara è risultata assegnataria di risorse pari a 906.300,39 euro.

Il Consiglio affronta anche il tema dell'ambiente

E’ stato inoltre applicato avanzo vincolato da leggi e principi contabili per spese ambientali per 63.654 euro. Nello specifico ci sono importi di 6.344 per l’affidamento di un incarico per una perizia di stima, redazione dei documenti di gara e supervisione, relativi al servizio di smaltimento e recupero dei rifiuti abbandonati presso un impianto di stoccaggio rifiuti nel Comune di Castelletto Ticino e di 53.312,00 per l’affidamento dell’incarico per il servizio di sgombero dei rifiuti abbandonati di un impianto nel Comune di San Pietro Mosezzo. Parlando quindi di Edilizia scolastica, ha inoltre trovato applicazione un avanzo libero per spese in conto capitale pari a 185.000 da destinare alla sistemazione degli spazi interni dell’Istituito “Fauser” di Novara. Sono stati infine finanziati incarichi per Edilizia e Viabilità per il complessivo importo di 148.500 euro: si tratta di progettazioni connesse all'impiego dei contributi, tra i quali i 5 milioni del “decreto ponti”. Come è noto, finché non è approvato il quadro economico delle opere, le progettazioni vanno iscritte in titolo I del bilancio dell’Ente e finanziate con entrate correnti.