Cosa dice la legge?

Etichettatura prodotti alimentari: la normativa in materia

Etichettatura prodotti alimentari: la normativa in materia
21 Giugno 2020 ore 08:00

Cosa ci dice la legge in merito a quello che è il processo di etichettature dei prodotti alimentari? Rispondere a questa domanda aiuta a capirne di più di un procedimento non sempre chiaro, eppure decisamente importante. 

L’etichetta che si trova sui cibi è importante per l’azienda che li produce, ma anche e soprattutto per il consumatore finale che, leggendole, potrà orientarsi verso la scelta che ritiene migliore per le proprie esigenze. Questo significa, quindi, che dovranno essere compilate con cura e nei limiti imposti dalla normativa attualmente in vigore

Cosa si deve scrivere sulle etichette e quali sono le leggi a cui fare riferimento?

Sulle etichette devono essere riportate alcune specifiche informazioni riguardanti il prodotto in questione, come sancito dalla normativa in materia. Prima di entrare nello specifico è utile ricordare che in questi casi si deve fare riferimento al Regolamento UE 1169/2011 che riguarda da vicino tutto il discorso in merito alla fornitura di informazioni specifiche sugli alimenti

Sebbene questo regolamento sia in vigore ormai da qualche anno, non mancano i problemi in merito a quelle che sono le possibili interpretazioni. Dato che si può incappare anche in sanzioni pecuniarie di non poca importanza, il consiglio è quello di ricorrere a una consulenza specializzata per quel che concerne l’etichettatura prodotti alimentari. Un servizio di questo tipo è messo a disposizione da Gruppo Maurizi, da sempre presente nel settore. Gli esperti di questa azienda saranno in grado di vagliare tutti gli aspetti più importanti, dall’analisi dei testi a quelli che sono i simboli da inserire in ogni tipo di etichetta e così via. 

Si tratta di un servizio molto importante, anche perché come detto si potrebbe incorrere in alcune sanzioni se non si interpretano le leggi nel modo corretto. Scegliere un servizio di consulenza, che può essere anche continuo, permette di non fare errori e di agire esattamente secondo quelli che sono i limiti di legge attualmente imposti. 

Si rischiano delle sanzioni se si sbaglia la denominazione dell’alimento, se ci sono delle discrepanze o mancanze nell’elenco degli ingredienti, se non vengono indicati gli allergeni, se non si indicano le quantità degli ingredienti e così via. Sono tanti gli aspetti a cui fare attenzione se non si vuole rischiare nulla ed è per questo motivo che si dovrebbe sempre fare riferimento a degli esperti del settore in grado di indirizzare sulla giusta via.

Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Curiosità