A Firenze

Neonato finisce nell’intestino della mamma, salvo per miracolo

ll ginecologo e chirurgo, Alberto Mattei: “Più che un evento raro, un vero miracolo”.

Neonato finisce nell’intestino della mamma, salvo per miracolo
05 Ottobre 2020 ore 17:33

Un evento straordinario sia per la rarità dei casi che per la tempestività dell’intervento sabato scorso ha tenuto col fiato sospeso il reparto di ostetricia e ginecologia dell’ospedale di Santa Maria Annunziata, dove l’equipe medica che ha operato con prontezza e professionalità ha portato a buon fine un cesareo urgente molto complesso. Durante il travaglio, si è verificata la rottura dell’utero di una gravidanza a termine, un evento non diagnosticabile che ha comportato che il neonato e anche la placenta migrassero nell’addome, tra le anse intestinali.

Neonato finisce nell’intestino della mamma, salvo per miracolo

Da Prima Firenze

Tutto si è svolto in una manciata di minuti: il ginecologo appena avvertita una variazione dei battiti del feto, ha fatto il cesareo ma nell’utero non ha trovato il bambino che insieme alla placenta era finito dentro l‘addome. Un minuto più tardi e il bimbo non ce l’avrebbe fatta a sopravvivere. La tempestività dell’intervento dell’equipe medica ha consentito di salvare il bimbo senza ripercussioni sulla madre, e di salvaguardare anche l’utero della partoriente. Ora il neonato, una bambina, sta bene ed è insieme alla mamma in reparto.

“Ringrazio i medici, il ginecologo e l’anestesista che hanno operato il cesareo in termini rapidissimi – commenta Alberto Mattei, direttore della struttura aziendale di chirurgia ginecologica dell’Ausl Toscana centro – e tutta l’equipe delle ostetriche, un gruppo di professioniste esperte conosciute anche fuori dal nostro ospedale. Più che un evento raro, quello che è successo a Ponte a Niccheri sabato lo definirei un vero e proprio miracolo”.

L’intervento è stato eseguito dal dott. Paolo Gacci che ha coordinato l’equipe ostetrico ginecologica, mentre l’equipe anestesiologica era guidata dal dott. Marco Belardinelli.

Sabato scorso è stato comunque un giorno straordinario anche perché contemporaneamente al complesso parto cesareo, nella stanza attigua erano entrate in travaglio due sorelle che hanno partorito insieme due bambini. Una giornata che conferma l’andamento crescente dei parti che l’ospedale di Santa Maria Annunziata sta registrando in questo particolare periodo e in un contesto generale di crescente riduzione della natalità.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità