Idee & Consigli

Criptovalute: occhi puntati su Ethereum, Tezos e Stellar Lumens

Criptovalute: occhi puntati su Ethereum, Tezos e Stellar Lumens
Idee & Consigli Novara, 31 Marzo 2022 ore 11:50

Il mondo crypto, in questo momento storico, gode di ottima salute. Ogni giorno infatti è quello buono per la nascita di un nuovo asset digitale basato sulla blockchain. Ma, soprattutto, ogni giorno è quello buono per l’esplosione di una criptovaluta, in termini di notorietà e/o di valore. Ecco dunque spiegato come mai anche i trader più esperti dedichino quotidianamente parte del proprio tempo all’aggiornamento professionale. Infatti, se si vuole fare crypto-trading ad alti livelli, non è sufficiente conoscere come funzioni la valuta digitale, o sapere che cosa significhi la parola “blockchain”.

Al contrario, è necessario studiare e formarsi in modo da scoprire quali siano le criptovalute da comprare, così da sfruttare al meglio le potenzialità offerte da ogni crypto token. D’altronde, proprio la criptovaluta è uno strumento finanziario caratterizzato da un livello di volatilità che praticamente non ha eguali nel mercato. Ciò vuol dire che il prezzo di una qualsiasi crypto potrebbe essere protagonista tanto di un’impennata quanto di un vero e proprio crollo: un andamento di quotazione “da montagne russe” che costringe gli investitori a mantenere sempre altissima la soglia dell’attenzione. Ad esempio, in questo periodo, gli occhi dei trader sono puntati soprattutto su tre valute digitali specifiche: Ethereum, Tezos e Stellar Lumens.

Iniziare dalle basi

Prima di entrare nel merito delle singole valute digitali più apprezzate in questo momento, è sicuramente utile partire dalle basi. Questo vuol dire, innanzitutto, fare chiarezza sulla sopracitata blockchain: la tecnologia, anzi l’insieme di tecnologie che sono alla base delle criptovalute. La blockchain è un registro di transazioni organizzato tramite una “catena di blocchi” (ovvero, una “blockchain”): ogni blocco contiene informazioni relative a una specifica transazione; ogni blocco è collegato al precedente e al successivo, creando così una catena.

Le criptovalute sono invece rappresentazioni digitali di valore che utilizzano proprio la blockchain come database. Molte persone, erroneamente, tendono a confondere le criptovalute con i “token”: gettoni virtuali, utilizzati all’interno delle diverse crypto sia nell’ambito della compravendita diretta che in quello dell’acquisto di servizi. I token (almeno quelli fungibili) sono a tutti gli effetti delle valute digitali. Le criptovalute invece, in certi casi, sono dei sistemi molto, ma molto più complessi.

La cosa importante da sottolineare è però che blockchain e criptovalute stanno contribuendo a una vera e propria rivoluzione nel mondo finanziario e, più in generale, nel mondo delle transazioni. Grazie a entrambe infatti si sta sviluppando la cosiddetta “finanza decentralizzata”: un paradigma che potrebbe portare a cancellare totalmente il bisogno di intermediari esterni come le banche.

Crypto da tenere d’occhio

Per avere un’idea del successo che sta vivendo il mondo crypto, basta considerare che, recentemente, la città di Lugano ha presentato un programma affinché la città stessa diventi la capitale europea del BTC, consentendo ai cittadini di pagare le tasse tramite valute digitali.

Infine, se si parla di criptovalute, di novità e di successo, è impossibile non ricordare come, in questo periodo, l’attenzione dei trader stia venendo fagocitata da tre crypto che, in effetti, assomigliano molto più a una rete che a una semplice “moneta virtuale”. La prima è Ethereum: un ecosistema crypto particolarmente profondo, che, tra le altre cose, permette addirittura di registrare domini e sviluppare piattaforme di crowdfunding.

Il secondo è Tezos: una blockchain totalmente open source, che consente l’implementazione di tanti diversi tipi di contratto intelligente. La terza invece è Stellar Lumens: un’altra rete open source decentralizzata che, nel giro di pochi anni, è riuscita a coinvolgere più di 4 milioni di utenti. In tutti e tre i casi, gli investitori possono però anche dedicarsi alla compravendita diretta di token proprietari: quello di Ethereum si chiama Ether, quello di Tezos si chiama Tez, mentre quello di Stellar Lumens si chiama Lumen.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter