Idee & Consigli

Novara, cosa aspettarsi da qui alla fine della stagione

Novara, cosa aspettarsi da qui alla fine della stagione
Idee & Consigli 24 Marzo 2021 ore 12:17

Un dodicesimo posto in classifica che serve a ben poco, con 34 punti raccolti in 29 gare disputate fino a questo momento che, in effetti, sanno di bottino davvero esiguo. Stiamo parlando del Novara, che attualmente occupa il dodicesimo posto in Lega Pro, ma che appare indubbiamente distante rispetto alla vetta e alle squadre che lottano per i primi posti della graduatoria.

Un’altra piemontese che sta facendo una gran fatica a esprimersi sui suoi abituali livelli, quest’anno, è sicuramente la Juventus. Probabilmente la Vecchia Signora, alla giornata numero 25, non era mai stata così lontana rispetto al primo posto. In effetti, sette punti sono tanti, tenendo conto di come anche la primissima parte della stagione non aveva riservato grandi soddisfazioni. Una rincorsa continua, senza dimenticare come il numero complessivo di punti che sono stati ottenuti dai bianconeri quest’ anno è il più basso dal 2011 a questa parte. Anche gli appassionati di scommesse, ormai, l’hanno battezzata fuori dai giochi per lo scudetto, con l’Inter di Antonio Conte che si avvia a vincere nuovamente il tricolore dopo tanti anni di assenza. 

Sul blog sportivo L’insider viene approfondito un interessante confronto tra le squadre guidate dagli ultimi allenatori della Juve. La prima Juve post-Allegri è stata guidata da Sarri, nell’ottica di una rivoluzione copernicana che, in effetti, non ha dato i frutti sperati. Anzi, la dirigenza aveva intenzione di cambiare completamente il modo di giocare della Vecchia Signora, finalmente ispirandosi al bel gioco e provando a ottenere risultati ancora più performanti a livello europeo. Non è andata bene, con l’esonero dopo solo una stagione. Anche Sarri, come Pirlo, ha vissuto la sua esperienza in bianconero con alle spalle un macigno di responsabilità, legato ai record che sono stati messi assieme da parte di Max Allegri e Antonio Conte, due allenatori che hanno avuto il merito di ridefinire le pagine di storia della società bianconera.

La stagione del Novara

Una stagione senz’altro non entusiasmante quella della compagine piemontese, che ha ottenuto 8 punti nelle ultime 15 partite, ma che in ogni caso rimane in un limbo in classifica che vale a ben poco. Anzi, in realtà deve anche guardarsi le spalle, dal momento che basterebbe qualche altro risultato negativo per ritrovarsi con le spalle al muro a dover lottare per la salvezza.

Quello di Lega Pro è sicuramente un campionato molto equilibrato, in cui ci sono ben poche squadre che stanno dominando e riuscendo ad avere una buona continuità di risultati. Tra le altre, troviamo sicuramente il Como e la Pro Vercelli, rispettivamente prima e seconda con 58 e 56 punti in classifica. Per il Como sono arrivate quattro vittorie nelle ultime cinque partite, mentre per la Pro Vercelli addirittura 13 punti su 15 negli ultimi cinque match.

Cosa aspettarsi dalle prossime partite

La batosta rifilata al Lecco deve essere indubbiamente di buon auspicio per il Novara e presa come stimolo per fare sempre meglio nel corso di questo finale di stagione. Gli alti e bassi, d’altra parte, hanno rappresentato una costante fino a questo momento nella stagione della compagine piemontese. Ed è chiaro che trovando un po’ di continuità in più il Novara potrebbe risollevarsi.

Massima attenzione, però, alle prossime partite, dato che non bisogna cadere nuovamente in un ciclo negativo di partite, altrimenti il rischio è quello di farsi coinvolgere dalle squadre che lottano per salvarsi. I prossimi match saranno indicativi in tal senso, con la trasferta di Renate e di Bergamo (Albinoleffe) e poi la partita in casa contro il Piacenza.