calcio

Giallo Novara, la società dove è finita?

L’avvocato Di Cintio ha pronto il ricorso al Tar, manca la firma di Pavanati. Le ultime speranze sono affidate al sindaco.

Giallo Novara, la società dove è finita?
Sport Novara, 05 Agosto 2021 ore 10:49

Un “giallo” che aumenta un caos già indescrivibile. Nel tardo pomeriggio di ieri il ricorso del Novara Calcio al Tar del Lazio, contro l’esclusione dal campionato, non era ancora stato depositato.

Giallo Novara: ancora nessun ricorso

Nell’immediatezza si era ipotizzato addirittura che l’istanza cautelare venisse presentata senza attendere le motivazioni del Collegio di Garanzia (che sono state rese note venerdì sera). Invece ad ormai sei giorni dal deposito dell’atto da impugnare il ricorso al Tar non è stato ancora presentato. Non esistono spiegazioni ufficiali su questa scelta molto discutibile. Secondo un’ipotesi non confermata il ricorso sarebbe pronto, ma attualmente in “stand by” in attesa di recuperare tutta la documentazione che il presidente Pavanati vorrebbe depositare per provare a sovvertire il verdetto del massimo organo della giustizia sportiva.

L'affondo del sindaco Canelli

E così il sindaco Canelli, al quale una settimana fa era stata annunciata dal club l’avvenuta presentazione, rompe gli indugi. E si toglie qualche sassolino: «Non più di una settimana fa la società mi aveva informato di aver già depositato il ricorso al Tar del Lazio - rivela il primo cittadino - Oggi (ieri pomeriggio, ndr.) veniamo a sapere che evidentemente queste parole non corrispondono a verità...».
Insomma, un affondo in piena regola, più che giustificato: «Visto quello che sta accadendo - ha aggiunto - abbiamo fatto bene fin da subito ad esplorare la possibilità di costruire una nuova squadra per il futuro».
Prima di lanciare la manifestazione di interesse Canelli attende il via libera dalla Figc: «Sto aspettando che mi risponda la Federcalcio - ha ammesso - Siamo già pronti per avviare la procedura e lo faremo nel momento in cui arriverà questa risposta».