Quarto stop casalingo

Igor Volley: derby amaro con Chieri

Brusco risveglio per le azzurre, rimaste con la testa ancora al Mondiale in Cina, battute per 3-1 nella sfida tutta piemontese.

Igor Volley: derby amaro con Chieri
Novara, 12 Dicembre 2019 ore 23:01

Igor Volley: derby amaro con Chieri. La squadra, evidentemente, è rimasta con la testa in Cina. Nel recupero della 9ª giornata si fa battere in quattro set (1-3), complicando di fatto la sua rincorsa in classifica.

Quarta sconfitta (su 5 partite giocate) al PalaIgor. E domenica ancora in casa c’è Perugia

Novara così subisce la quarta sconfitta casalinga della stagione su 5 uscite, la terza consecutiva, dimostrando di essere piantata con i piedi a terra, poco reattiva e inconcludente in attacco e, in questa occasione, anche senza cuore. La squadra di Barbolini resta al sesto posto e domenica alle 17 deve invertire la rotta ancora in casa contro Perugia. Il fatto di avere poi nel tabellino come migliore realizzatrice la sua regista, Hancock con 15 punti, è un dato allarmate.

Azzurre sorprese dalla verve delle torinesi

Non era cominciata bene la partita per l’Igor, sorpresa dalla verve e dalla battuta delle torinesi che hanno preso il largo prima 5-9 e poi allungando fino ad 8-14 grazie al duo Perinelli-Guerra. Novara, non precisa in ricezione, ha continuato a faticare in attacco, costretta anche a un gioco scontato ed esagerato in pallonetto. Una timida scossa la squadra azzurra l’ha avuta di gruppo recuperando fino al -2 (18-20) ma che però non ha avuto seguito, perché le collinari torinesi sono riuscite a portarsi a ben 4 set ball (20-24), sfruttando per chiudere il set a proprio favore solo il proprio terzo tentativo (22-25) deciso da un videocheck.

Nel secondo set la riscossa parziale, ma è un’illusione

Nel secondo set, due muri consecutivi segnano la riscossa azzurra che successivamente sale al +4 (6-2). Un vantaggio che rimane tale a lungo e sale a +6 (15-9) grazie ad un muro secco di Hancock sulla ex Enright. Però Novara si fa prendere dalla frenesia di chiudere i punti al primo tentativo cadendo in elementari errori evitabili che fanno risalire a -2 (15-13) le ospiti, sostenute da un folto e rumoroso gruppo di tifosi arrivati da Chieri. La battuta chierese punta decisamente Vasileva che è costantemente in difficoltà; da qui i problemi di distribuzione di Hancock che però sopperisce infilando un ace che tiene lontane le avversarie (19-15). Poi tocca ad Arrighetti dare il proprio contributo alla causa azzurra allungando il divario di nuovo a +5 (21-16) a cui segue la fast di Chirichella che porta l’Igor a 6 set ball. Il secondo tentativo di Courtney dalla seconda linea è quello buono per pareggiare il conto (25-19).

Terzo set inguardabile, l’ex Enright guida le chieresi al primo successo della loro storia a Novara

Il terzo set è inguardabile in casa novarese; Chieri è capace di fermare i flebili attacchi azzurri mettendo la freccia (2-6). C’è confusione incontrollabile nel campo novarese in perenne sofferenza in ricezione sia con Courtney che con Vasileva ed inconcludente in attacco. Il duo lascia il campo a Gorecka e Di Iulio con la squadra che sotto (5-10) riduce le distanze (8-11). Perinelli è la giocatrice che Novara non sa fermare e che fa scappare via la sua squadra al massimo vantaggio +9 dell’9-18. Hancock è forse l’unica in maglia azzurra ad avere un po’ di lucidità ma non può evitare il 20-25 ospite. Nel quarto Barbolini rilancia Courtney e Vasileva ma lascia in panchina una impalpabile Brakocevic (6 punti in 3 set) proponendo Di Iulio. Chieri ha ancora il controllo delle operazioni; infatti il primo sussulto positivo è il suo (3-5). E’ ancora Hancock dal servizio a rilanciare l’Igor che passa 7-6 ma non riesce a dare continuità perché le torinesi ripassano avanti con Grobelna (8-10). Novara deve tirare fuori l’orgoglio e gli artigli per girare a suo favore un match di sofferenza. Vasileva e Courtney sono croce e delizia per Novara; le due schiacciatrici infatti fanno e disfano e tutto si risolve dal 22 pari. Enright, l’ex, attacca punto e poi mura Courtney portando la sua squadra al match ball (23-24); l’ennesimo pallonetto telefonato di Vasileva è decisivo perché Chieri è attenta e fa il colpaccio, il primo della sua storia a Novara (23-25).
a.m.

IGOR – FENERA  1-3 (22-25/25-19/20-25/23-25)
Igor: Brakocevic 6, Courtney 13, Vasileva 13, Chirichella 12, Hancock 15, Sansonna (L), Arrighetti 8, Di Iulio 4, Gorecka, Mlakar. n.e. Napodano, Morello, Piacentini, Gallina (L2). All. Barbolini
Fenera: Poulter 4, Perinelli 11, Rolfsen 14, Grobelna 14, Guerra 16, Akrari 8, De Bortoli (L), Meijers, Enright 4. n.e. Mazzaro, Laak, Lanzini (L), Bosio. All. Bregoli
Arbitri: Bassan di Brescia e Rapisarda di Udine.
Spettatori: 1480

 

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità