Sport

Il Novara a mille all’ora verso Salerno

Il Novara a mille all’ora verso Salerno
Sport 13 Novembre 2015 ore 08:35

A mille all’ora verso Salerno. Il Novara ha ricominciato a lavorare martedì pomeriggio in vista della trasferta di domenica prossima in casa dei campani.

Finalmente una settimana tipo per mister Baroni, che può preparare la sfida con tutti i crismi: mercoledì, ad esempio, è stata ristabilita la consuetudine del doppio allenamento, impensabile nelle settimane precedenti visti gli impegni serrati. Insomma, il tecnico e i suoi collaboratori possono spingere sull’acceleratore, facendo leva sulle ali dell’entusiasmo dei propri calciatori. Sul campo di Novarello si respira inevitabilmente fiducia: la squadra lavora con intensità e in maniera serrata, curando ogni minimo dettaglio. Anche perchè domenica all’”Arechi” servirà un Novara da combattimento contro un avversario chiamato per forza di cose a ripartire dopo un periodo negativo. La settimana che precede l’avvenimento si è aperta con le parole del presidente Massimo De Salvo, il quale attraverso una lettera aperta sul canale ufficiale della società ha elogiato il pubblico novarese dopo qualche polemica sorta all’indomani della partita con il Brescia sul numero medio degli spettatori allo stadio: “Spero che gli spalti del Piola siano un luogo di aggregazione dove tutti, in ogni settore, si rendano conto che l’amore per la propria squadra li unisce nei momenti belli e nei momenti difficili - questo il passaggio finale - Se così sarà vi dico sinceramente che potremmo essere tanti o pochi ma saremo sempre il pubblico migliore del mondo”.

E i risultati certamente aiutano ad unire tutte le componenti. Lo si è notato mercoledì pomeriggio quando al campo di allenamento, complice anche la bella giornata, si è presentato un discreto numero di persone, forse per la prima volta dall’inizio della stagione (amichevoli escluse).

Tornando al calcio giocato, Baroni sarà costretto a rinunciare domenica prossima al giovane terzino Christian Dell’Orco, convocato dal c.t. dell’Under 21 Di Biagio al posto del cagliaritano Murru (infortunato) per i due impegni valevoli per le qualificazioni all’Europeo di categoria, in programma venerdì e martedì rispettivamente contro Serbia e Lituania.

Fortunatamente l’allenatore potrà contare sul rientro di Agostino Garofalo, che si è riaggregato al gruppo fin dalla ripresa: mercoledì mattina gli esami di controllo dopo l’infortunio al polpaccio subito venti giorni fa hanno dato esito negativo. Buone notizie anche per Federico Casarini, costretto a saltare in extremis la partita di sabato scorso per un problema al costato: gli esami clinici hanno escluso lesioni. Il centrocampista si è allenato a parte in piscina. Lavoro differenziato sul campo per Fabrizio Poli, che deve risolvere qualche problema che si trascina da un paio di settimane. Per il resto tutti abili e arruolati, compresi Evacuo e Gonzalez, protagonisti assoluti nell’ultima vittoria.

Proprio l’argentino ha parlato ai microfoni di Novara Channel: «E’ un buon momento - ha esclamato - Veniamo da una striscia positiva che conferma la nostra crescita, ma domenica ci aspetta una partita molto importante, la Salernitana in casa con l’aiuto dei tifosi riesce a dare il meglio. Sono carichi e per noi sarà fondamentale farci trovare pronti fin dal primo minuto. Dobbiamo rimanere tranquilli, in settimana lavoriamo tanto e non dobbiamo fermarci, quando arriva la gara sappiamo che è il momento più importante. Cerchiamo di offrire una bella prestazione e da quella arrivare al risultato». «E’ facile giocare con giocatori come Evacuo e Galabinov - ha aggiunto - E sono sicuro che presto arriverà anche il gol per Corazza. Sono contento anche del debutto in B di Schiavi, un ragazzo umile e lavoratore. Speriamo sia solo la prima di tante presenze».

Paolo De Luca

A mille all’ora verso Salerno. Il Novara ha ricominciato a lavorare martedì pomeriggio in vista della trasferta di domenica prossima in casa dei campani.

Finalmente una settimana tipo per mister Baroni, che può preparare la sfida con tutti i crismi: mercoledì, ad esempio, è stata ristabilita la consuetudine del doppio allenamento, impensabile nelle settimane precedenti visti gli impegni serrati. Insomma, il tecnico e i suoi collaboratori possono spingere sull’acceleratore, facendo leva sulle ali dell’entusiasmo dei propri calciatori. Sul campo di Novarello si respira inevitabilmente fiducia: la squadra lavora con intensità e in maniera serrata, curando ogni minimo dettaglio. Anche perchè domenica all’”Arechi” servirà un Novara da combattimento contro un avversario chiamato per forza di cose a ripartire dopo un periodo negativo. La settimana che precede l’avvenimento si è aperta con le parole del presidente Massimo De Salvo, il quale attraverso una lettera aperta sul canale ufficiale della società ha elogiato il pubblico novarese dopo qualche polemica sorta all’indomani della partita con il Brescia sul numero medio degli spettatori allo stadio: “Spero che gli spalti del Piola siano un luogo di aggregazione dove tutti, in ogni settore, si rendano conto che l’amore per la propria squadra li unisce nei momenti belli e nei momenti difficili - questo il passaggio finale - Se così sarà vi dico sinceramente che potremmo essere tanti o pochi ma saremo sempre il pubblico migliore del mondo”.

E i risultati certamente aiutano ad unire tutte le componenti. Lo si è notato mercoledì pomeriggio quando al campo di allenamento, complice anche la bella giornata, si è presentato un discreto numero di persone, forse per la prima volta dall’inizio della stagione (amichevoli escluse).

Tornando al calcio giocato, Baroni sarà costretto a rinunciare domenica prossima al giovane terzino Christian Dell’Orco, convocato dal c.t. dell’Under 21 Di Biagio al posto del cagliaritano Murru (infortunato) per i due impegni valevoli per le qualificazioni all’Europeo di categoria, in programma venerdì e martedì rispettivamente contro Serbia e Lituania.

Fortunatamente l’allenatore potrà contare sul rientro di Agostino Garofalo, che si è riaggregato al gruppo fin dalla ripresa: mercoledì mattina gli esami di controllo dopo l’infortunio al polpaccio subito venti giorni fa hanno dato esito negativo. Buone notizie anche per Federico Casarini, costretto a saltare in extremis la partita di sabato scorso per un problema al costato: gli esami clinici hanno escluso lesioni. Il centrocampista si è allenato a parte in piscina. Lavoro differenziato sul campo per Fabrizio Poli, che deve risolvere qualche problema che si trascina da un paio di settimane. Per il resto tutti abili e arruolati, compresi Evacuo e Gonzalez, protagonisti assoluti nell’ultima vittoria.

Proprio l’argentino ha parlato ai microfoni di Novara Channel: «E’ un buon momento - ha esclamato - Veniamo da una striscia positiva che conferma la nostra crescita, ma domenica ci aspetta una partita molto importante, la Salernitana in casa con l’aiuto dei tifosi riesce a dare il meglio. Sono carichi e per noi sarà fondamentale farci trovare pronti fin dal primo minuto. Dobbiamo rimanere tranquilli, in settimana lavoriamo tanto e non dobbiamo fermarci, quando arriva la gara sappiamo che è il momento più importante. Cerchiamo di offrire una bella prestazione e da quella arrivare al risultato». «E’ facile giocare con giocatori come Evacuo e Galabinov - ha aggiunto - E sono sicuro che presto arriverà anche il gol per Corazza. Sono contento anche del debutto in B di Schiavi, un ragazzo umile e lavoratore. Speriamo sia solo la prima di tante presenze».

Paolo De Luca