Sport

La Libertas Nuoto raddoppia!

La Libertas Nuoto raddoppia!
Sport 17 Ottobre 2015 ore 09:52

NOVARA - Sta per partire l’attività agonistica 2015-‘16 della Libertas Nuoto Novara, presentata lunedì scorso in Comune. Il sodalizio nato nel 1977 svolgerà gli allenamenti per le sezioni agonistiche di nuoto e “sincro” presso la piscina del Terdoppio, grazie alla convenzione tra il Comune e il Comitato regionale Fin. I corsi di nuoto e pre-agonistica  si terranno al Centro Quisquash. Quasi raddoppiato il numero dei tesserati agonisti:  nel 2014 tra nuoto e ”sincro” erano 67, oggi si è già arrivati a 121 (78 nuotatori e 43 “sincronette”): «Nel nuoto siamo rimasti l’unica società che a Novara fa agonismo  - hanno spiegato Renzo Bellomi e Anna Maria Peri, rispettivamente presidente  della Libertas Team e della Libertas Nuoto Novara  - Abbiamo accolto quasi tutti gli ex atleti della Novara Nuoto e una quindicina di atleti di Borgomanero. Nel “sincro” ci sono 13 nuove “ondine”, grazie all’effetto dei Mondiali di Kazan». Il direttore tecnico del nuoto è Enrico Ferrero affiancato dagli allenatori Claudio Bellomi, Luigi Romeo e Romualdo Montevero. Francesca Torri è la responsabile tecnica del “sincro”, settore dove operano le allenatrici Miriam Galasso, Alessandra Laricchia, Ilaria Bellani e la preparatrice di ginnastica Raffaella Navarra:  «Parteciperemo a tutte le gare federali regionali e ai principali meeting di nuoto nazionali e ai relativi campionati -  ha detto  Ferrero - Saremo al via di qualche gara internazionale. La nostra filosofia è creare piccoli uomini, c’è la vita vera di cui quella sportiva è una piccola parte. Nella Libertas sono cresciuti l’olimpionico Fioravanti e altri campioni: collaboriamo anche con alcuni atleti dell’Arma dei Carabinieri». Mario Armano, delegato provinciale Coni di Novara,  ha aggiunto: «La Libertas è un’eccellenza sportiva che accompagna i ragazzi dalla base all’agonismo». L’assessore allo Sport del Comune di Novara, Rossano Pirovano, ha evidenziato: «In collaborazione con le società sportive e la Fin alla piscina del Terdoppio si avrà una sola scuola di nuoto in capo al Comune. A febbraio 2016 quasi certamente arriverà il “Setterosa” per una match di qualificazione olimpica». Bellomi ha aggiunto: «Lo Sporting era diventato la tomba del nuoto novarese. Il Comune, prendendo la gestione dell’impianto, ha permesso alle società di rientrarvi».

Filippo Bezio

NOVARA - Sta per partire l’attività agonistica 2015-‘16 della Libertas Nuoto Novara, presentata lunedì scorso in Comune. Il sodalizio nato nel 1977 svolgerà gli allenamenti per le sezioni agonistiche di nuoto e “sincro” presso la piscina del Terdoppio, grazie alla convenzione tra il Comune e il Comitato regionale Fin. I corsi di nuoto e pre-agonistica  si terranno al Centro Quisquash. Quasi raddoppiato il numero dei tesserati agonisti:  nel 2014 tra nuoto e ”sincro” erano 67, oggi si è già arrivati a 121 (78 nuotatori e 43 “sincronette”): «Nel nuoto siamo rimasti l’unica società che a Novara fa agonismo  - hanno spiegato Renzo Bellomi e Anna Maria Peri, rispettivamente presidente  della Libertas Team e della Libertas Nuoto Novara  - Abbiamo accolto quasi tutti gli ex atleti della Novara Nuoto e una quindicina di atleti di Borgomanero. Nel “sincro” ci sono 13 nuove “ondine”, grazie all’effetto dei Mondiali di Kazan». Il direttore tecnico del nuoto è Enrico Ferrero affiancato dagli allenatori Claudio Bellomi, Luigi Romeo e Romualdo Montevero. Francesca Torri è la responsabile tecnica del “sincro”, settore dove operano le allenatrici Miriam Galasso, Alessandra Laricchia, Ilaria Bellani e la preparatrice di ginnastica Raffaella Navarra:  «Parteciperemo a tutte le gare federali regionali e ai principali meeting di nuoto nazionali e ai relativi campionati -  ha detto  Ferrero - Saremo al via di qualche gara internazionale. La nostra filosofia è creare piccoli uomini, c’è la vita vera di cui quella sportiva è una piccola parte. Nella Libertas sono cresciuti l’olimpionico Fioravanti e altri campioni: collaboriamo anche con alcuni atleti dell’Arma dei Carabinieri». Mario Armano, delegato provinciale Coni di Novara,  ha aggiunto: «La Libertas è un’eccellenza sportiva che accompagna i ragazzi dalla base all’agonismo». L’assessore allo Sport del Comune di Novara, Rossano Pirovano, ha evidenziato: «In collaborazione con le società sportive e la Fin alla piscina del Terdoppio si avrà una sola scuola di nuoto in capo al Comune. A febbraio 2016 quasi certamente arriverà il “Setterosa” per una match di qualificazione olimpica». Bellomi ha aggiunto: «Lo Sporting era diventato la tomba del nuoto novarese. Il Comune, prendendo la gestione dell’impianto, ha permesso alle società di rientrarvi».

Filippo Bezio