Sport

Malagò: "Vorrei proporre il pattinaggio a rotelle come disciplina olimpica"

Malagò: "Vorrei proporre il pattinaggio a rotelle come disciplina olimpica"
Sport 03 Ottobre 2016 ore 22:01

NOVARA – Il presidente del Coni, Giovanni Malagò ha visitato questa mattina il Pala Igor di Novara, teatro in questi giorni della 61° Edizione dei Mondiali di Pattinaggio Artistico a Rotelle e ha incontrato tecnici e atleti della nazionale azzurra, tra cui la campionessa del mondo Silvia Stibilj, che proprio da oggi ha iniziato a difendere il titolo.

Il presidente Malagò ha voluto ringraziare il sindaco di Novara Alessandro Canelli e l’assessore allo Sport Federico Perugini: “Faccio i miei complimenti all’amministrazione, so che si è insediata da poco e spesso chi arriva tende sempre a rivedere tutto con aspetti personalistici, invece avete dimostrato attenzione e sensibilità a questo evento”. 

In merito alla possibilità di vedere il pattinaggio artistico a rotelle in una delle prossime manifestazioni olimpiche Malagò è stato molto chiaro.  “Se l’Italia dovesse nei prossimi anni ospitare le Olimpiadi non avrei nessun problema a proporre il pattinaggio a rotelle come nuova disciplina olimpica – ha affermato – in Italia ci sono 40 mila tesserati in questo sport e noi abbiamo il dovere morale di promuovere lo sport e tentare un’evoluzione del mondo sportivo”.

Nel corso dell’incontro con i giornalisti Malagò ha anche avuto modo di tornare sul tema della candidatura di Roma per le Olimpiadi 2024: “Per una candidatura olimpica serve un tavolo che poggia su tre gambe e queste gambe sono il governo, le amministrazioni locali e il comitato olimpico – ha spiegato – se manca una di queste tre il tavolo non sta in piedi o traballa molto”.

A margine della conferenza il presidente del Panathlon Club Carlo Biroli ha consegnato una targa a Sara Locandro, Allenatore Benemerito di Pattinaggio, tecnico nazionale e allenatrice federale degli azzurri con cui ha vinto 37 medaglie d’oro. Erano presenti all’incontro il presidente della Firs, Sabatino Aracu, il sindaco di Novara Alessandro Canelli e l’assessore allo Sport Federico Perugini. 

v.s.

NOVARA – Il presidente del Coni, Giovanni Malagò ha visitato questa mattina il Pala Igor di Novara, teatro in questi giorni della 61° Edizione dei Mondiali di Pattinaggio Artistico a Rotelle e ha incontrato tecnici e atleti della nazionale azzurra, tra cui la campionessa del mondo Silvia Stibilj, che proprio da oggi ha iniziato a difendere il titolo.

Il presidente Malagò ha voluto ringraziare il sindaco di Novara Alessandro Canelli e l’assessore allo Sport Federico Perugini: “Faccio i miei complimenti all’amministrazione, so che si è insediata da poco e spesso chi arriva tende sempre a rivedere tutto con aspetti personalistici, invece avete dimostrato attenzione e sensibilità a questo evento”. 

In merito alla possibilità di vedere il pattinaggio artistico a rotelle in una delle prossime manifestazioni olimpiche Malagò è stato molto chiaro.  “Se l’Italia dovesse nei prossimi anni ospitare le Olimpiadi non avrei nessun problema a proporre il pattinaggio a rotelle come nuova disciplina olimpica – ha affermato – in Italia ci sono 40 mila tesserati in questo sport e noi abbiamo il dovere morale di promuovere lo sport e tentare un’evoluzione del mondo sportivo”.

Nel corso dell’incontro con i giornalisti Malagò ha anche avuto modo di tornare sul tema della candidatura di Roma per le Olimpiadi 2024: “Per una candidatura olimpica serve un tavolo che poggia su tre gambe e queste gambe sono il governo, le amministrazioni locali e il comitato olimpico – ha spiegato – se manca una di queste tre il tavolo non sta in piedi o traballa molto”.

A margine della conferenza il presidente del Panathlon Club Carlo Biroli ha consegnato una targa a Sara Locandro, Allenatore Benemerito di Pattinaggio, tecnico nazionale e allenatrice federale degli azzurri con cui ha vinto 37 medaglie d’oro. Erano presenti all’incontro il presidente della Firs, Sabatino Aracu, il sindaco di Novara Alessandro Canelli e l’assessore allo Sport Federico Perugini. 

v.s.

Seguici sui nostri canali