Novara Calcio, continua il rebus allenatore

Novara Calcio, continua il rebus allenatore
Sport 28 Maggio 2015 ore 22:39

NOVARA - Pausa di riflessione per il Novara Calcio. E’ slittato alla settimana prossima l’atteso incontro tra il presidente Massimo De Salvo e l’allenatore Domenico Toscano: un confronto per fare un consuntivo sulla passata stagione e, soprattutto, per definire i programmi futuri. Un summit che dovrebbe mettere la parola fine, in un senso o nell’altro, sul destino del tecnico calabrese.

Proseguirà il matrimonio che ha portato alla vittoria del campionato e della Supercoppa di Lega Pro oppure le strade si divideranno consensualmente? Difficile dirlo con certezza in questo momento.

Toscano ha ancora un anno di contratto e ha già espresso a chiare lettere l’intenzione di rimanere in sella alla squadra anche in serie B. Per il mister azzurro si è affacciata qualche richiesta, non solo dalla serie B: alla Salernitana e al Catania, dove resta forte la sua candidatura, anche la Casertana attraverso il suo d.s. Nicola Pannone starebbe sondando questa pista (e quella di Felice Evacuo) per tentare decisa il prossimo anno la scalata alla cadetteria. La società sta valutando attentamente la situazione e, secondo alcune indiscrezioni, il divorzio appare un’ipotesi sempre più probabile.

Sbilanciarsi, però, non sarebbe in questo momento corretto; fino a quando le parti non si incontreranno la questione rimane aperta ad ogni soluzione.

E non è automatico che in caso di divorzio l’annuncio del possibile successore sarà immediata. E’ probabile che si aspetterà la fine dei play off di serie B e di Lega Pro e questo fa sottintendere ad una figura attualmente impegnata negli spareggi con la squadra di appartenenza. I nomi caldi sono principalmente tre: l’emergente Antonino Asta, uno degli artefici della splendida cavalcata del Bassano, Massimo Rastelli, che ha portato il suo Avellino alla semifinale play off per la promozione in serie A, e, anche se più sfumato, Carlo Sabatini, che sta facendo molto bene a Como dopo essere subentrato in corsa.

Paolo De Luca

NOVARA - Pausa di riflessione per il Novara Calcio. E’ slittato alla settimana prossima l’atteso incontro tra il presidente Massimo De Salvo e l’allenatore Domenico Toscano: un confronto per fare un consuntivo sulla passata stagione e, soprattutto, per definire i programmi futuri. Un summit che dovrebbe mettere la parola fine, in un senso o nell’altro, sul destino del tecnico calabrese.

Proseguirà il matrimonio che ha portato alla vittoria del campionato e della Supercoppa di Lega Pro oppure le strade si divideranno consensualmente? Difficile dirlo con certezza in questo momento.

Toscano ha ancora un anno di contratto e ha già espresso a chiare lettere l’intenzione di rimanere in sella alla squadra anche in serie B. Per il mister azzurro si è affacciata qualche richiesta, non solo dalla serie B: alla Salernitana e al Catania, dove resta forte la sua candidatura, anche la Casertana attraverso il suo d.s. Nicola Pannone starebbe sondando questa pista (e quella di Felice Evacuo) per tentare decisa il prossimo anno la scalata alla cadetteria. La società sta valutando attentamente la situazione e, secondo alcune indiscrezioni, il divorzio appare un’ipotesi sempre più probabile.

Sbilanciarsi, però, non sarebbe in questo momento corretto; fino a quando le parti non si incontreranno la questione rimane aperta ad ogni soluzione.

E non è automatico che in caso di divorzio l’annuncio del possibile successore sarà immediata. E’ probabile che si aspetterà la fine dei play off di serie B e di Lega Pro e questo fa sottintendere ad una figura attualmente impegnata negli spareggi con la squadra di appartenenza. I nomi caldi sono principalmente tre: l’emergente Antonino Asta, uno degli artefici della splendida cavalcata del Bassano, Massimo Rastelli, che ha portato il suo Avellino alla semifinale play off per la promozione in serie A, e, anche se più sfumato, Carlo Sabatini, che sta facendo molto bene a Como dopo essere subentrato in corsa.

Paolo De Luca