Per la sesta volta torna a Novara la Little League

Per la sesta volta torna a Novara la Little League
Sport 10 Luglio 2015 ore 10:52

NOVARA - Per la sesta volta Novara diventa la capitale europea del baseball giovanile. Tutto è pronto il ritorno della Little League: lo stadio “Marco Provini” sarà teatro da lunedì 13 a sabato 18 luglio della massima manifestazione mondiale rivolta ai talenti under 16. Cinque le selezioni regionali partecipanti, in rappresentanza di altrettanti Paesi europei (Italia, Spagna, Belgio, Olanda e Gran Bretagna) che si daranno battaglia per ottenere il pass per la finale mondiale del 2 agosto negli Usa, precisamente a Bangor nel Maine. I colori dell’Italia saranno difesi dal Lazio: «Grazie agli sponsor possiamo permetterci certi eventi - ha spiegato l’assessore comunale allo Sport Rossano Pirovano - Si fa molta fatica di questi tempi ad organizzare eventi internazionali di questa portata. E così rinnovo l’invito a sostenere gli sport minori». «Non ci sono sport minori, lo sport è sport - ha puntualizzato il Delegato provinciale del Coni Mario Armano - Gli sponsor permettono a chi ne ha la capacità di organizzare eventi internazionale. E il Baseball Novara è un’eccellenza riconosciuta a livello mondiale. Ne approfitto per comunicare che il Coni ha conferito la stella d’argento al merito sportivo a Beppe Guilizzoni e alla società Porta Mortara».

Proprio Guilizzoni è entrato nel dettaglio della manifestazione: «Stiamo parlando della più grande organizzazione giovanile del mondo - ha spiegato - Con 3 milioni di bambini dai 7 ai 16 anni. Un concetto quello del sostegno allo sport giovanile, tutto americano. Mi piacerebbe si potesse ripensare lo sport in Italia i n questo modo. A Novara avremo la rassegna dedicata alle formazioni composte da ragazzi di 15 e 16 anni».

Un impegno non semplice che il comitato organizzatore diretto da Alessandro Fabbri sta preparando nei minimo dettagli: si parte lunedì prossimo alle 16 con il match tra Gran Bretagna e Olanda e alle 20 dopo la cerimonia di apertura debutterà l’Italia contro il Belgio. La formula è del girone all’italiana, con due partite al giorni: nei giorni pari (martedì e giovedì) gli orari saranno alle 10 e alle 16. Sabato 18 luglio gran finale alle 16,30 e alle 20 la cerimonia di chiusura.

 Paolo De Luca

NOVARA - Per la sesta volta Novara diventa la capitale europea del baseball giovanile. Tutto è pronto il ritorno della Little League: lo stadio “Marco Provini” sarà teatro da lunedì 13 a sabato 18 luglio della massima manifestazione mondiale rivolta ai talenti under 16. Cinque le selezioni regionali partecipanti, in rappresentanza di altrettanti Paesi europei (Italia, Spagna, Belgio, Olanda e Gran Bretagna) che si daranno battaglia per ottenere il pass per la finale mondiale del 2 agosto negli Usa, precisamente a Bangor nel Maine. I colori dell’Italia saranno difesi dal Lazio: «Grazie agli sponsor possiamo permetterci certi eventi - ha spiegato l’assessore comunale allo Sport Rossano Pirovano - Si fa molta fatica di questi tempi ad organizzare eventi internazionali di questa portata. E così rinnovo l’invito a sostenere gli sport minori». «Non ci sono sport minori, lo sport è sport - ha puntualizzato il Delegato provinciale del Coni Mario Armano - Gli sponsor permettono a chi ne ha la capacità di organizzare eventi internazionale. E il Baseball Novara è un’eccellenza riconosciuta a livello mondiale. Ne approfitto per comunicare che il Coni ha conferito la stella d’argento al merito sportivo a Beppe Guilizzoni e alla società Porta Mortara».

Proprio Guilizzoni è entrato nel dettaglio della manifestazione: «Stiamo parlando della più grande organizzazione giovanile del mondo - ha spiegato - Con 3 milioni di bambini dai 7 ai 16 anni. Un concetto quello del sostegno allo sport giovanile, tutto americano. Mi piacerebbe si potesse ripensare lo sport in Italia i n questo modo. A Novara avremo la rassegna dedicata alle formazioni composte da ragazzi di 15 e 16 anni».

Un impegno non semplice che il comitato organizzatore diretto da Alessandro Fabbri sta preparando nei minimo dettagli: si parte lunedì prossimo alle 16 con il match tra Gran Bretagna e Olanda e alle 20 dopo la cerimonia di apertura debutterà l’Italia contro il Belgio. La formula è del girone all’italiana, con due partite al giorni: nei giorni pari (martedì e giovedì) gli orari saranno alle 10 e alle 16. Sabato 18 luglio gran finale alle 16,30 e alle 20 la cerimonia di chiusura.

 Paolo De Luca