Attualità
Invorio

Alpini e studenti di Invorio al lavoro per pulire un sentiero alla Mescia

Alla Mescia la collaborazione tra le due realtà ha prodotto benefici per il territorio intero.

Alpini e studenti di Invorio al lavoro per pulire un sentiero alla Mescia
Attualità Alto Novarese, 26 Giugno 2022 ore 11:33

Alpini e studenti hanno lavorato insieme per rivalutare e pulire un sentiero e una cappella votiva di campagna alla Mescia.

Alla Mescia Alpini e studenti insieme per rivalutare un sentiero e una cappella votiva

Un sentiero e una cappelletta rivalutati alla Mescia grazie agli studenti delle scuole. Ne sono state protagoniste le classi seconda A e seconda B delle medie al Polo ordinario tecnologico in seno all'Istituto comprensivo del Vergante. La mattina di mercoledì 1 giugno si è tenuta l'inaugurazione della cappelletta in virtù del progetto che la scuola ha svolto con il gruppo Alpini invoriesi, giunti al 50° anno di attività. Grazie a un percorso articolatosi da gennaio, un sentiero alla Mescia è stato pulito con il restauro della cappelletta. Gli studenti si sono occupati della ricostruzione storica con il posizionamento della cartellonistica. Erano presenti Pietro Tognara, presidente del gruppo Alpini, ed Ester Manzetti, proprietaria del luogo sacro.

L'incontro con lo storico locale Luigi Carera

«Abbiamo ripercorso la storia della Mescia - raccontano gli insegnanti - si è intervistata Ester e ci è venuto in aiuto lo storico locale Luigi Carera. I cartelli riportano ora informazioni su punti come il motto Duno e il borgo Sereia. Si sono aggiunti un plastico del sentiero e un video montato sullo stile del videogioco Minecraft. Nella serata alcune associazioni si sono presentate e l'occasione è stata propizia per le celebrazioni della festa della Repubblica. Siamo in linea con quanto ha dato vita l'amministrazione comunale e dunque la brochure che intende rilanciare Invorio a livello turistico. Abbiamo condiviso un interessante lavoro che in modo concreto ha messo insieme scuola, istituzioni e comunità locale. I nostri ragazzi, davvero contenti, hanno operato in gruppo immersi in un clima stimolante e usando strumento di nuova generazione. Le famiglie hanno capito la validità della proposta, da noi intesa come "compito di realtà. Armando Lorenzini, anche lui alpino, ci ha insegnato a utilizzare programmi per realizzare e montare il video».

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter