Polizia di Stato

Camionista ubriaco abbatte un palo a Cameri e danneggia parapetto a Galliate

Patente via

Camionista ubriaco abbatte un palo a Cameri e danneggia parapetto a Galliate
Pubblicato:

La Polizia di Stato prosegue nel suo impegno istituzionale finalizzato al contrasto della guida in stato d’ebbrezza, che rappresenta una delle principali cause di pericolo per la sicurezza della circolazione stradale.

I controlli

Negli scorsi giorni una pattuglia della Sezione Polizia Stradale di Novara – Distaccamento di Arona è intervenuta nel territorio comunale di Cameri e Galliate per i rilievi di due sinistri stradali causati dallo stesso conducente alla guida di un complesso veicolare, adibito al trasporto internazionale di merci. Nel primo sinistro quest’ultimo, avendo perso il controllo del veicolo, ha causato l’abbattimento di un palo della pubblica illuminazione, e si è allontanato senza richiedere l’intervento delle forze dell’ordine.

Poco dopo ha provocato un secondo sinistro stradale, danneggiando il parapetto di un ponte che sovrasta la linea ferroviaria Novara Nord – Milano Cadorna, rendendo necessario il blocco del traffico ferroviario per circa due ore, da parte di personale della Sezione Polizia Ferroviaria di Novara, prontamente intervenuta con un proprio equipaggio unitamente alla squadra dei Vigili del Fuoco, che ha provveduto alla messa in sicurezza del veicolo e della zona. Il conducente, a cui sono state contestate sanzioni amministrative relative alle condotte di guida tenute nelle occasioni descritte, ha subito il ritiro della patente di guida a seguito degli accertamenti svolti dall’unità operativa, che hanno permesso di deferirlo in stato di libertà alla competente Autorità Giudiziaria per il reato di guida in stato di ebbrezza alcolica, avendo evidenziato valori superiori a quattro volte i limiti di legge previsti.

È doveroso ricordare, tuttavia, che nei suoi confronti vige la presunzione di innocenza in quanto il procedimento penale a suo carico è collocato nella fase delle indagini preliminari.

Commenti
Lascia il tuo pensiero

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici sui nostri canali