Evento

Coldiretti Novara-Vco: presentato il decalogo con le priorità per l’agricoltura dei prossimi 5 anni

Agricoltura al centro delle politiche future

Coldiretti Novara-Vco: presentato il decalogo con le priorità per l’agricoltura dei prossimi 5 anni
Pubblicato:

Mettere l’agricoltura al centro delle politiche regionali per i prossimi 5 anni. Presentati ai candidati alla Presidenza della Regione, che si sono alternati nella mattinata di ieri, i punti di attenzione per i quali Coldiretti Piemonte chiede delle risposte concrete. Presente l’intera Giunta di Coldiretti Piemonte, guidata dal presidente, Cristina Brizzolari, insieme al delegato confederale Bruno Rivarossa e ai direttori di tutte le federazioni provinciali. Sono intervenuti Gianna Pentenero, Alberto Costanzo, Alberto Cirio e Sarah Disabato che hanno sottoscritto, impegnandosi, il decalogo predisposto da Coldiretti Piemonte.

Il decalogo

Dal comparto zootecnico a quello cerealicolo, dall’ortofrutticolo al vitivinicolo, dal corilicolo a quello risicolo e da quello apistico a quello florovivaistico: il Piemonte ha un’agricoltura che spazia a 360 gradi e che impiega oltre 210 mila addetti. Un settore che, in controtendenza rispetto ad un tempo dove il l’automobilistico trainava il Piemonte, sta attirando sempre più giovani tant’è che il 14% delle imprese agricole piemontesi ha un capo d’azienda di età inferiore ai 41 anni e hanno una superficie maggiore rispetto alla media con 28 ettari contro i 19.

Proprio alla luce di questo scenario – spiegano il Presidente Fabio Tofi e il Direttore Luciano Salvadori - chiediamo risposte concrete rispetto alle principali questioni sottoposte ai candidati. Dagli interventi sulla fauna selvatica alla peste suina con particolare attenzione alla questione legata agli abbattimenti dei cinghiali, dalla gestione irrigua alla qualità dell’aria, dalla difesa del suolo alle questioni legate allo Sviluppo Rurale, dal sostegno alle filiere produttive al contrasto alle fitopatie fino alla semplificazione amministrativa ed ai servizi che riguardano la multifunzionalità. Auspichiamo che chi governerà la nostra Regione attivi politiche per aumentare il trend positivo che ha intrapreso questo settore continuando ad incentivare anche l’imprenditoria giovanile e dando sostegno alle progettualità economiche di filiera che giocano un ruolo primario”.

Commenti
Lascia il tuo pensiero

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici sui nostri canali