Attualità
Lutto

Oleggio Castello in lutto per Graziano Vanzan

L'uomo abitava a Oleggio Castello da una decina d'anni.

Oleggio Castello in lutto per Graziano Vanzan
Attualità Arona, 28 Luglio 2021 ore 10:12

Addio a Graziano Vanzan: l'uomo aveva 67 anni e abitava a Oleggio Castello da una decina d'anni.

Oleggio Castello in lutto per Graziano Vanzan

Era originario del Veneto ma i casi della vita lo avevano portato a Oleggio Castello, dove ha vissuto per una decina d’anni. Graziano Vanzan è morto a 67 anni dopo una malattia, e la sua scomparsa ha lasciato un grande vuoto nel gruppo di amici che in paese gli volevano bene. L’uomo, in pensione da qualche tempo, aveva fatto l’autista di camion per diverse ditte. Era dotato di buona manualità e di grande ingegno, oltre che di un buon cuore: per questo aiutava molto chi aveva bisogno di una mano. A tracciare un caro ricordo di Vanzan è uno dei suoi amici, che aveva conosciuto perché vicino di casa della sorella: «Sono rimasto profondamente addolorato - scrive l’oleggese Enrico C. - alla notizia della veloce scomparsa di Graziano. Se ne è andato in silenzio discretamente così come discretamente è vissuto, sia pure attraverso una vita di operosità, capacità e onesta lasciando nel dolore la moglie, il figlio, i parenti e tutti quelli che lo conoscevano. Ero molto amico di Graziano nel periodo della pandemia e non solo trascorrevamo molti pomeriggi a casa sua assieme alla moglie a giocare a carte qualche volta anche arrabbiandosi bonariamente se qualcuno di noi perdeva. La sofferenza, la malattia, la morte di una persona cara mi hanno colpito duramente, quanto più forte era il legame di amicizia che ci univa. Se ne è andato un uomo integerrimo e buono, di cui rimarrà un grato e duraturo ricordo».
Il funerale di Vanzan è stato celebrato nella parrocchiale mercoledì 14 luglio: l’uomo lascia la moglie Maria e il figlio Emanuele, oltre ai parenti e agli amici che di lui serberanno un ottimo ricordo per molto tempo.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter