Attualità
Novità

Venduto all'asta dopo tanti anni l'ex carcere di Arona

Ad aggiudicarsi la struttura un'imprenditrice novarese che probabilmente vi costruirà degli appartamenti

Venduto all'asta dopo tanti anni l'ex carcere di Arona
Attualità Arona, 27 Luglio 2022 ore 07:00

E' stato venduto all'asta nelle scorse settimane l'ex carcere di Arona. A rilevare la struttura un'imprenditrice di Novara.

Una fumata bianca che arriva dopo anni

Dopo anni di attesa finalmente è arrivata la svolta che in molti attendevano. Le ex carceri di Arona sono state finalmente vendute a un privato. Pare infatti che l’immobile che ospitava un tempo le prigioni della città sia stato venduto a una donna, un’imprenditrice novarese che stando alle indiscrezioni che circolano potrebbe trasformare la struttura in un complesso di appartamenti. La nuova proprietaria si è aggiudicata l’immobile per una spesa intorno ai 223 mila euro, di poco superiore alla base d’asta.

Una questione che risale al passato

Le ex carceri sono rimaste in vendita all’asta per un lungo periodo. Il prezzo base inizialmente era di 280mila euro. Probabilmente troppo per un immobile vuoto e non agibile. Sulle ex carceri e sul loro destino si sono spesso spese, negli anni, tante parole, rimaste però solo sulla carta. Nel periodo dell’amministrazione Catapano ad esempio si era pensato alla struttura come possibile sede del “Dopo di noi”, ipotesi poi sfumata. Una proposta riportata in consiglio comunale dalla consigliera Carla Torelli, ma non ritenuta applicabile per motivi strutturali ed economici dalla giunta del Gusmeroli 1.
L'edificio del XVII secolo vanta una posizione invidiabile, essendo nel centro storico di Arona. Una planimetria a U che racchiude all’interno un piccolo cortile delimitato anche dal muro della chiesa adiacente. Su questo cortile si affacciano prevalentemente i vani distribuiti su due piani. Considerata la destinazione originaria dell’immobile, una parte delle comunicazioni orizzontali di piano sono consentite solo attraverso gli spazi esterni cortile o ballatoio.

Dalla chiusura ai primi tentativi di vendere

Era il marzo del 1973 quando, con provvedimento del ministero di Grazia e Giustizia, il vecchio carcere di San Giuseppe di Arona venne ufficialmente chiuso. I sei detenuti in quel momento presenti furono trasferiti nelle carceri di Novara o Verbania. La richiesta di chiusura era stata inoltrata dal pretore per poter procedere ai lavori necessari sui servizi igienici e sul riscaldamento. L’edificio di via San Carlo era sorto nel lontano 1884 ed era diventato ormai insufficiente e inadeguato. Una chiusura provvisoria destinata a divenire, pochi anni dopo, definitiva. Ed è sicuramente questo il motivo per il quale l'edificio a lungo è risultato inappetibile: il cattivo stato di conservazione. Fino ad adesso, almeno.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter