Cronaca
Il folle delitto l’anno scorso

Comignago uccise per gelosia il suo migliore amico: chiesti 17 anni di carcere

Pastore ha affermato di essere stato preda di un raptus

Comignago uccise per gelosia il suo migliore amico: chiesti 17 anni di carcere
Cronaca Arona, 03 Luglio 2020 ore 14:29

Comigango uccise per gelosia il suo migliore amico: chiesti 17 anni di carcere per Alberto Pastore. Lo riportano i colleghi di notiziaoggi.it

Cureggio uccise per gelosia il suo migliore amico

Per quella “cazzata”, come lui stesso l’aveva definita su Facebook poco dopo aver colpito a morte il suo migliore amico, ora rischia 17 anni di prigione. Questa è la condanna chiesta dal pubblico ministero Giovanni Castellani per Alberto Pastore, il giovane di Cureggio che ad agosto 2019 aveva ucciso Yoan Leonardi.

LEGGI ANCHE - Video Shock su Instagram: Pastore racconta l’omicidio dell’amico 

Litigio in macchina

Il delitto era avvenuto a Comignago: di ritorno dal McDonald’s di Castelletto, dove i due avevano iniziato a litigare, Pastore aveva colpito l’amico con una serie di coltellate e l’aveva lasciato ormai agonizzante sull’asfalto, prima di schiantarsi con la sua auto.

LEGGI ANCHE - Omicidio Comignago: i coltelli postati su facebook da Pastore 

Chiesto il rito abbreviato

Il processo è iniziato nei giorni scorsi e i difensori del presunto omicida Paola Lorenzini e Lorena Fusè hanno chiesto il rito abbreviato (che prevede una riduzione del 30 per cento della pena), mentre i famigliari del ragazzo ucciso, seguiti dall’avvocato Alessandro Romeo, si sono costituiti parte civile.

Il giovane ha affermato di essere stato preda di un raptus.

Seguici sui nostri canali