Il folle delitto l’anno scorso

Comignago uccise per gelosia il suo migliore amico: chiesti 17 anni di carcere

Pastore ha affermato di essere stato preda di un raptus

Comignago uccise per gelosia il suo migliore amico: chiesti 17 anni di carcere
Arona, 03 Luglio 2020 ore 14:29

Comigango uccise per gelosia il suo migliore amico: chiesti 17 anni di carcere per Alberto Pastore. Lo riportano i colleghi di notiziaoggi.it

Cureggio uccise per gelosia il suo migliore amico

Per quella “cazzata”, come lui stesso l’aveva definita su Facebook poco dopo aver colpito a morte il suo migliore amico, ora rischia 17 anni di prigione. Questa è la condanna chiesta dal pubblico ministero Giovanni Castellani per Alberto Pastore, il giovane di Cureggio che ad agosto 2019 aveva ucciso Yoan Leonardi.

LEGGI ANCHE – Video Shock su Instagram: Pastore racconta l’omicidio dell’amico 

Litigio in macchina

Il delitto era avvenuto a Comignago: di ritorno dal McDonald’s di Castelletto, dove i due avevano iniziato a litigare, Pastore aveva colpito l’amico con una serie di coltellate e l’aveva lasciato ormai agonizzante sull’asfalto, prima di schiantarsi con la sua auto.

LEGGI ANCHE – Omicidio Comignago: i coltelli postati su facebook da Pastore 

Chiesto il rito abbreviato

Il processo è iniziato nei giorni scorsi e i difensori del presunto omicida Paola Lorenzini e Lorena Fusè hanno chiesto il rito abbreviato (che prevede una riduzione del 30 per cento della pena), mentre i famigliari del ragazzo ucciso, seguiti dall’avvocato Alessandro Romeo, si sono costituiti parte civile.

Il giovane ha affermato di essere stato preda di un raptus.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità