Menu
Cerca
Cronaca

Maxi operazione della polizia ferroviaria: denunciata una donna ad Arona

La ragazza stava violando il divieto di tornare ad Arona

Maxi operazione della polizia ferroviaria: denunciata una donna ad Arona
Cronaca Arona, 27 Marzo 2021 ore 08:34

Maxi operazione della polizia ferroviaria nelle giornate del 24 e 25 marzo nell’ambito del piano “Rail Action day 24 blue”.

Maxi operazione nelle stazioni italiane

“Rail Action day 24 Blue”, era questo il nome della maxi operazione messa in atto dalla polizia attraverso il Compartimento ferroviario Piemonte e Valle d’Aosta con la collaborazione del network internazionale Railpol tra le 7 del 24 marzo e le 7 del giorno seguente. L’obiettivo era quello della prevenzione e del contrasto dei reati maggiormente perpetrati in ambito ferroviario. E il risultato è importante: 2 indagati, 1.165 persone identificate, 117 operatori impiegati in 29 stazioni ferroviarie, 305 treni controllati.

Il caso di Arona

In provincia di Novara il caso più eclatante è quello di una ragazza di 25 anni sorpresa ad Arona mentre stava violando il divieto di ritorno nel territorio del comune aronese. La misura era stata decisa dal Questore di Novara solo a settembre dello scorso anno. Al termine dei controlli nello scalo della città del Sancarlone, la ragazza è stata denunciata in stato di libertà.

L’intervento a Novi Ligure

A Novi Ligure invece gli agenti di polizia, in servizio presso la stazione cittadina, hanno denunciato per detenzione e traffico di sostanza stupefacente, un pluripregiudicato italiano di 35 anni, residente ad Arquata Scrivia (AL). Le indagini hanno avuto inizio la scorsa settimana quando un sessantaduenne di nazionalità marocchina, senza fissa dimora, è stato soccorso nei bagni di stazione dai poliziotti e trasportato in ospedale a seguito di grave crisi convulsiva. Tra le testimonianze raccolte, da chi ha avuto contatti con l’uomo, una donna ha raccontato dell’acquisto di una pasticca di stupefacente, avvenuto nel piazzale antistante la stazione, da parte della vittima. Dimesso dall’ospedale, l’uomo ha confermato ai poliziotti l’acquisto dello stupefacente, la sera precedente. Dalla descrizione fornita, gli agenti sono risaliti allo spacciatore che è stato rintracciato e denunciato.

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Idee & Consigli