Iniziativa

Novara: con "Binario sipario" il teatro arriva nei giardini della stazione

L’assessore Piantanida spiega l'intento del progetto: «Portare l’arte e la cultura in un luogo difficile»

Novara: con "Binario sipario" il teatro arriva nei giardini della stazione
Pubblicato:

«Dopo l’arte contemporanea anche il teatro come strumento per riqualificare e rigenerare l’intera zona».

Novara: "Binario sipario"

Nuovo step del processo messo in atto dal Comune di Novara per l’area della Stazione Ferroviaria come spiega Luca Piantanida, assessore alla Cultura.

«Due spettacoli, in programma venerdì 5 e sabato 6 luglio, nell’ambito del progetto regionale Binario Sipario risultato vincitore di un Bando Cariplo per la Cultura. Coinvolge undici comuni lombardi oltre alla nostra città, offrendo una ventina di eventi da giugno a settembre».

Il progetto è ideato dalla compagnia bresciana Centopercento Teatro con la collaborazione di Rete Ferroviaria Italiana: “Un invito – si legge nel comunicato - a tornare a vivere gli spazi e le aree delle stazioni ferroviarie come vere e proprie piazze urbane, in sicurezza e serenità, facendo anche attività diverse dalla destinazione d’uso principale, trasformando questi luoghi di passaggio in nuove piazze, teatri e, perché no, salotti dei paesi e delle città che li ospitano”.

Il progetto nasce in continuità con l'iniziativa creata per Bergamo-Brescia Capitale della Cultura 2023 “Visitazioni. La città che narra disegna nel cuore”, particolarmente apprezzata da RFI.

Gli appuntamenti novaresi

All’ombra della Cupola due gli appuntamenti. Venerdì 5 luglio alle 19 visita guidata con Davide Zucchi (ritrovo presso l’area riservata al parcheggio biciclette); a seguire lo spettacolo originale di commedia dell'arte “L'eretico mancato” presso i giardini di piazza Garibaldi.

 

Sabato 6 dopo la visita guidata in scena l’incursione dantesca “Dentro a le bramose canne” nello stesso spazio. Per entrambi gli eventi biglietto a 7 euro comprensivo di visita, spettacolo e posto a sedere: prenotazione obbligatoria a eventi@centopercentoteatro.it.

«Un progetto in cui crediamo fortemente - ancora l’assessore Piantanida – e che offre nuove proposte culturali dopo le chiocciole della Cracking Art e la mostra “Culture” di Corrado Bonomi ancora in corso. Le parole d’ordine sono rigenerare e riqualificare attraverso gli strumenti della cultura. Non solo arte ma anche cultura in movimento come spettacoli teatrali, lettura di poesie e flash mob. Ora i due eventi curati da Centopercento Teatro e nei prossimi mesi altre manifestazioni promosse dal Comune di Novara. Il cartellone proseguirà da settembre nel segno della musica in collaborazione con l’associazione Rest-Art che da vent’anni organizza il Festival NovaraJazz. Una volta al mese per continuare il nostro programma: portare l’arte, la cultura e il bello in un luogo difficile».

Commenti
Lascia il tuo pensiero

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici sui nostri canali