Attualità
Il caso

Assembramenti vietati a Borgomanero: ecco i termini dell'ordinanza

Si tratta di una scelta che è destinata a far discutere in città

Assembramenti vietati a Borgomanero: ecco i termini dell'ordinanza
Attualità Borgomanero, 16 Ottobre 2021 ore 10:45

Il sindaco Sergio Bossi lo ha annunciato nei giorni scorsi: non tollererà assembramenti nelle vie centrali della città. Per i trasgressori sono previste delle multe da 100 euro.

Assembramenti vietati in centro

E' destinata a far discutere l'ordinanza che ieri è stata firmata dal sindaco di Borgomanero, Sergio Bossi. "Con ordinanza sindacale numero 287 del 15 0ttobre 2021 - fanno sapere dal Comune - il Sindaco Sergio Bossi dispone che nelle giornate di giovedì, venerdì sabato e domenica dalle ore 22.00 alle ore 24.00 e dalle ore 0.00 alle ore 5.00, in Piazza Martiri della Libertà, in Corso Cavour, in Corso Garibaldi, in Corso Mazzini, in Corso Roma, in Via Rosmini, in Piazza XX Settembre e nelle vie interne del centro storico cittadino:  sono vietati gli assembramenti e riunioni di quattro o più persone;  è vietato lo stazionamento di persone che possano intralciare o disturbare la libera circolazione dei veicoli e dei pedoni, e/o arrecare disturbo della quiete e del riposo dei cittadini;  é vietata la vendita per asporto, la detenzione ed il consumo di bevande di qualsiasi gradazione alcoolica ed in qualunque contenitore sul suolo pubblico ( con esclusione dei dehors dei bar )".

Multe in vista per i trasgressori

"L’inosservanza dell’ ordinanza è punita con una sanzione amministrativa pecuniaria ai sensi dell’art. 7 bis del D.Lvo 18 agosto 2000 n° 267 determinata in € 100,00 fatta salva, ove il fatto assuma rilievo penale, la denuncia all’Autorità Giudiziaria. Inoltre, ai sensi dell’art 1-bis del DLG 22/01/1948 n. 66 risultante dalle modifiche apportate dal decreto-legge 4 ottobre 2018, n. 113, chiunque impedisce la libera circolazione su strada ordinaria, ostruendo la stessa con il proprio corpo, è punito con la sanzione amministrativa del pagamento di una somma da euro 1.000 a euro 4.000. La medesima sanzione si applica ai promotori ed agli organizzatori dell’assembramento".