Riconoscimento

Due novaresi tra i 100 "giovani leader del futuro" scelti da Forbes

I nomi dei galliatesi Alessandro Belletti e Fabio Mainini compaiono sulla prestigiosa rivista come co-founder con Alessandro Romussi della società che produce e vende liquori 100% piemontesi

Due novaresi tra i 100 "giovani leader del futuro" scelti da Forbes
Pubblicato:
Aggiornato:

Alfa Spirits, la società del Novarese, con sede a Trecate, è stata inserita nella classifica del 100 “number one” under 30 di Forbes Italia.

I giovani leader del futuro

I nomi dei galliatesi Alessandro Belletti (30 anni) e Fabio Mainini (28 anni) compaiono, infatti, sulla prestigiosissima rivista in qualità di co-founder della società fondata nel 2022 insieme ad Alessandro Romussi (38 anni, di Valmacca in provincia di Alessandria) che si occupa della creazione e della vendita online di liquori 100% piemontesi.

I 100 “giovani leader del futuro” individuati da Forbes sono stati suddivisi secondo ambiti di competenza e comprendono coloro che si sono distinti nella finanza, nella tecnologia, nello sport, nella musica, nell’arte, nella cultura e nel marketing.

Condividendo la classifica con Jannik Sinner e Angelina Mango (fotografati in copertina), i giovani piemontesi di Alfa Spirits sono stati inseriti, insieme ad altre nove promettenti realtà, all’interno della categoria Retail & E-Commerce.

Il gin al gorgonzola

I tre, soci in affari e cognati nella vita, facendo seguito alla passione per il mondo degli spirits si sono fatti conoscere sul mercato grazie a Lucius Dry Gin, il primo gin di Novara in cui è stato distillato, oltre a ginepro, muschi e licheni, il Gorgonzola: eccellenza indiscussa del novarese in cui è ormai concentrato oltre il 70% della produzione.

Lo scopo societario, infatti, è stato fin da subito quello di valorizzare, attraverso la creazione di nuovi liquori, il territorio in cui i tre giovani sono nati e cresciuti.

Un amaro dedicato ai migranti piemontesi

E il Piemonte è il protagonista anche del secondo prodotto di Alfa Spirits: Amaro Ellis che già nel nome evoca il porto di Ellis Island, vuole ricordare un momento cruciale della storia regionale (e nazionale) quale la migrazione verso il Nuovo Mondo. Attraverso il sapiente bilanciamento di prodotti locali e “americani” si è dato vita a un liquore “dolce-amaro” in grado di evocare l’amarezza della partenza, la dolcezza dei ritorni e la folle euforia carica di speranza dei nuovi inizi.

Commenti
Lascia il tuo pensiero

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici sui nostri canali