Cronaca
Novità

Energia e contratti di lavoro tra le variazioni di bilancio approvate dalla Provincia

Reinvestiti parte dei fondi che erano stati ricavati dalle alienazioni di alcuni immobili di proprietà della Provincia

Energia e contratti di lavoro tra le variazioni di bilancio approvate dalla Provincia
Cronaca Novara, 04 Dicembre 2022 ore 07:00

Energia e adeguamenti contrattuali ai nuovi contratti di lavoro tra le misure previste nella variazione di bilancio approvata dalla Provincia nello scorso Consiglio convocato a Palazzo Natta.

Approvate le variazioni al bilancio provinciale

Nel corso dell'ultima seduta in Consiglio provinciale, i rappresentanti di Palazzo Natta hanno approvato alcune variazioni al bilancio annuale e pluriennale. A illustrare le novità è stata la consigliera provinciale delegata al bilancio, Monia Mazza. "La principale variazione - ha detto - riguarda innanzitutto la sottoscrizione del Contratto collettivo nazionale del lavoro: gli incrementi contrattuali vanno corrisposti entro 30 giorni dalla sottoscrizione ed è quindi stato necessario apportare i relativi adeguamenti ai capitoli per quanto riguarda tutti i movimenti necessari alla prima applicazione del nuovo Ccnl. L’Ente aveva a suo tempo accantonato nell’avanzo un apposito fondo per la corresponsione degli arretrati, mentre i differenziali relativi al 2022 saranno corrisposti in competenza. Si tratta comunque di un nato “già scaduto” e si renderà pertanto necessario riprendere immediatamente a effettuare gli accantonamenti, in vista del biennio economico 2022-2024".

Efficientamento energetico

Un altro elemento che ha portato alla variazione è "l’avvio del progetto di efficientamento energetico “Territori Virtuosi”, che ha richiesto – ha aggiunto in proposito Mazza - l’incremento di capitoli di bilancio per complessivi 498.500 euro per procedere all’affidamento di servizi accessori, parte dei quali saranno poi rimborsati dal concessionario e che per la parte a carico dell’Ente vengono finanziati in parte attraverso maggiori entrate e in parte mediante applicazione di avanzo libero. Inoltre, a seguito dell’aggiudicazione dei contributi legati relativi al progetto denominato “Cusio 2030”, è risultato necessario iscrivere le relative entrate e uscite nell’esercizio 2022, mentre, a seguito dell’aggiudicazione del finanziamento con 50.000 euro da parte di UPI del progetto “Giovani Fuoriclasse - Percorsi di ascolto tra orientamento, lavoro e cultura”, nell’ambito dell’iniziativa “Upi-Province Giovani”, sono stati istituiti gli appositi capitoli di entrata e di spesa per l’esercizio 2023".

In discussione anche il tema del caro energia

"Durante la seduta dello scorso 12 ottobre - prosegue Mazza - la Conferenza Stato-Città e Autonomie locali ha sancito l’intesa ai sensi del decreto-legge n, 144 del 23 settembre 2022, sullo schema di decreto del Ministro dell’interno di concerto con il Ministro dell’Economia e delle finanze e il Ministro per gli Affari regionali e le Autonomie, che prevede l’ulteriore incremento di 200 milioni di euro per il 2022 del fondo per il riconoscimento di un contributo straordinario agli Enti locali per garantire la continuità dei servizi erogati in relazione alla spesa per utenze di energia elettrica e gas, e che vengono di conseguenza iscritti in bilancio i relativi fondi aggiuntivi per 299.983,37 euro".

Fondi anche per il progetto "Vie verdi d'acqua" e interventi sul patrimonio

Ha inoltre trovato applicazione "l’avanzo vincolato per 18.824 euro finalizzato al completamento della progettazione degli interventi previsti progetto di realizzazione di piste ciclabili denominato “Vie verdi d’acqua”. Inoltre – ha proseguito la consigliera – sono stati istituiti appositi capitoli in entrata e in uscita per 60.000 euro a seguito di un contributo in conto capitale assegnato dalla Regione Piemonte e finalizzato al sostegno di Comuni che acquistano autovetture da destinare alla Protezione civile".

Dal momento che è stata recentemente realizzata la vendita di due proprietà immobiliari inclusi nel piano delle alienazioni "i proventi dei quali, pari a 175.000 euro, non erano ancora prudenzialmente stati iscritti in bilancio, parte di queste risorse, per 157.810 euro, vengono ora allocate su capitoli di Titolo II per la realizzazione di lavori e interventi urgenti sul patrimonio dell’Ente, mentre la somma di 17.540 euro viene destinata all’estinzione anticipata di un mutuo a tasso fisso contratto con la Cassa Depositi e Prestiti, che presenta un debito residuo pari ad 17.539,12 euro. Infine – ha concluso il consigliere – sono state effettuate variazioni di esiguo importo su richiesta dei vari Settori e alcuni storni compensativi su partite correnti per sopravvenute esigenze gestionali di uffici diversi e garantire in questo modo la corretta provvista su alcuni capitoli".

 

Seguici sui nostri canali