Cronaca
Il caso

Controlli nelle strutture ricettive del Vco: 5 denunce

Maxi operazione in tutta Italia concentrata sulle strutture delle zone a maggiore vocazione turistica

Controlli nelle strutture ricettive del Vco: 5 denunce
Cronaca VCO, 29 Agosto 2022 ore 07:00

Controlli dei carabinieri nelle strutture ricettive di ogni tipo del Vco. I militari hanno denunciato cinque persone ed elevato sanzioni per circa 20 mila euro.

Una maxi operazione

Si è conclusa nei giorni scorsi una campagna di controlli, congiunta tra i carabinieri dei Reparti territoriali del Comando Provinciale di Verbania e quelli del Nucleo Carabinieri Ispettorato del Lavoro di Verbania, nonché i militari del NAS di Torino, nel settore delle
strutture ricettive. L’iniziativa, attivata dal Comando Generale dell’Arma dei Carabinieri, è stata incentrata sul controllo ad alberghi, B&B, campeggi, residence ed attività simili su tutto il territorio nazionale, in particolare nelle località a maggiore vocazione turistica, con l’obiettivo di rilevare eventuali situazioni di irregolarità, sia sotto il profilo igienico-sanitario che di natura autorizzativa ed amministrativa, a tutela delle migliaia di turisti, italiani e stranieri, che ogni anno trascorrono periodi di villeggiatura in queste strutture.

5 denunce e sanzioni per 20 mila euro

L’attività ispettiva, che ha interessato tutto il territorio della provincia del Vco nei mesi estivi, è stata svolta delle stazioni carabinieri di volta in volta competenti per territorio, affiancate dal Nucleo Carabinieri Ispettorato del Lavoro di Verbania, nonché dai militari del
NAS di Torino. Complessivamente sono state controllate circa 30 strutture di vario tipo che hanno portato al deferimento di 5 persone all’autorità giudiziaria per illeciti di natura penale riconducibili a carenze igienico sanitarie o in materia di sicurezza, è stato poi individuato un lavoratore in nero e sono state elevate altresì diverse sanzioni amministrative per un totale di circa 20 mila euro, nonché disposta la sospensione di tre attività per carenze igienico sanitarie e inosservanza alle norme sulla sicurezza sui luoghi di lavoro.

Una situazione non allarmante

"I controlli effettuati - dicono dall'Arma - hanno comunque fotografato una situazione tutto sommato positiva nel settore specifico ma lattività ispettiva, in particolare da parte dei reparti speciali dellArma, continuerà per monitorare e garantire il rispetto delle citate normative a tutela dei consumatori".

 

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter